Dopo essersi fatta desiderare ed ammirare nel Salone di Shanghai il mese scorso, la nuova Aston Martin Rapide E ha fatto il suo debutto sulle strade di Monaco in occasione dell’ePrix di Formula E.

La dimostrazione pubblica fra le anguste vie del Principato è avvenuta al termine della seconda sessione di prove libere delle monoposto Gen2. Il primo modello elettrico dell’iconico marchio inglese è stato testato dal tre volte vincitore della 24 Ore di Le Mans, Darren Turner, intervistato poi in esclusiva ai nostri microfoni.

Il modello full electric ricalca il design della versione tradizionale della Rapide, ma grazie a due motori elettrici posteriori l’auto sprigiona 610 CV e 950 Nm di coppia. La Rapide E è alimentata da un pacco batterie da 65 kWh avvolto da fibra di carbonio e kevlar. L’assenza del motore termico e dello scarico ha permesso agli ingegneri di migliorare il diffusore ed il fondo vettura, aumentando così l’efficienza aerodinamica.

La Rapide E scatta da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi. Ha un’autonomia di 320 km (WLTP) e si ricarica in circa 40 minuti con impianto da 100 kW e circa 90 minuti con i più comuni 50 kW. Tecnologie all’avanguardia che saranno esaltate anche nella prossima pellicola dell’agente 007. L’Aston Martin Rapide E sarà, infatti, la prima auto a zero emissioni guidata dall’agente di sua maestà in “Shatterhand”.

Da notare i nuovi cerchi forgiati e vari elementi in carbonio blu, mentre l’abitacolo, curato nei minimi dettagli dispone di un nuovo display da 10″ che aggiorna il guidatore di tutte le informazioni relative all’impianto EV. La Rapide E vedrà una produzione limitata di 155 unità, mentre il prezzo ufficiale non è stato ancora svelato.