Il rapporto tra la McLaren e il due volte campione del mondo Fernando Alonso sembra giunto definitivamente ai titoli di coda. Andreas Seidl, nuovo team principal della McLaren, ha infatti rivelato durante il weekend del GP di Francia che il pilota spagnolo non è più terzo pilota McLaren, seppur resti ancora ambasciatore del marchio inglese. Proprio a confermare queste affermazioni è stato l’annuncio di aver ingaggiato Sergey Sirotkin, ex pilota di Formula 1 e già attuale terzo pilota Renault, come pilota di riserva e tester della vettura.


McLaren già al completo

La prima considerazione, non trascurabile, è rappresentata dal fatto che il team di Woking abbia due ottimi piloti come Sainz e Norris, che al momento stanno soddisfacendo al meglio le aspettative del team. Proprio su tale aspetto si è soffermato l’amministratore delegato Zak Brown: “I nostri attuali piloti hanno fatto molto bene finora, vanno d’accordo e questo mi rende tranquillo  quando si trovano in battaglia tra loro” ha infatti affermato, confermando una McLaren che non vuole sacrificare nessuno dei suoi due piloti. “Si stanno comportando molto bene e rappresentano il nostro futuro” ha concluso chiudendo definitivamente le porte a un ritorno di Alonso. 

La McLaren non vuole più Alonso…

C’è però chi spera che dietro questa decisione si nasconda in realtà la volontà di Alonso di ritornare in Formula 1 con un altro team; ciò che al momento è certo è che in casa McLaren abbiano imputato questa decisione ai troppi impegni del bicampione del mondo incompatibili con i weekend di gara di Formula 1.“Non abbiamo intenzione di far tornare Fernando Alonso al volante della McLaren di Formula 1. Non è possibile per Fernando essere qui con noi a ogni gara per fare il pilota di riserva” sono state infatti le parole del team principal Andreas Seidl. Questa giustificazione lascia però alcuni interrogativi: se fosse questa la vera motivazione, perché in McLaren hanno aspettato proprio giugno, periodo in cui Alonso, avendo terminato il WEC, dovrebbe essere ormai più libero, invece di prenderla prima?

… o è Alonso che non vuole più la McLaren?

Tra gli addetti ai lavori c’è però la convinzione che in realtà la mancata qualificazione alla 500 miglia di Indianapolis sia stata la fatidica goccia che ha fatto traboccare il vaso. È risaputo infatti che i rapporti con la McLaren fossero ormai logori dopo 4 anni in Formula 1 totalmente deludenti; per questo l’ennesimo fallimento può aver fatto decidere ad Alonso di abbandonare definitivamente il team inglese, intenzione espressa dallo stesso pilota già alcune settimane fa. È plausibile, in ragione di tali considerazioni, pensare che la decisione provenga in realtà dal due volte campione del mondo e non dal team; ciò spiegherebbe anche i tweet di congratulazioni particolari rivolti ad Alonso dalla McLaren dopo aver vinto la 24 ore di Le Mans, che sembrano veri e propri messaggi d’addio. 

Ferrari in agguato

Va detto però che al momento Fernando Alonso non ha rilasciato dichiarazioni e che pertanto questi sono solamente ragionamenti e supposizioni che come tali vanno presi. Restiamo in attesa del prossimo mese di luglio, quando il campione spagnolo dovrebbe comunicare i propri programmi futuri, ma i rumor che arrivano dalla Spagna danno Alonso sempre più vicino ad un clamoroso ritorno alla Ferrari.