Il tedesco della Ferrari ha preceduto il maratoneta Bottas e Stroll, terzo al debutto sulla Force India

La prima delle due giornate di test ad Abu Dhabi organizzate dalla Pirelli è andata in archivio con Sebastian Vettel che ha portato la sua Ferrari in vetta alla classifica. La sessione era partita male per il tedesco, che in mattinata aveva prima danneggiato il fondo della sua  monoposto costringendo i meccanici ad un lavoro extra. Una volta tornato in pista è andato addirittura a picchiare rovinando l’ala anteriore. Per fortuna Vettel ha poi ritrovato la giusta confidenza ed ha piazzato il miglior tempo in 1’36”812. 69 i giri inanellati dal tedesco, molto meno attivo rispetto allo stakanovista Valtteri Bottas. Come accade solitamente nelle prove invernali, la Mercedes ha girato tantissimo completando ben 120 tornate con il finlandese, autore del secondo tempo in 1’37”231.

Molto positivo il debutto di Lance Stroll sulla Force India. Il canadese è sceso in pista nel pomeriggio rilevando Sergio Perez ed ha ottenuto il suo miglior tempo in 1’37”415. Per lui anche 56 giri e subito un buon feeling con la ”pantera rosa”. Quarto Max Verstappen che ha girato con la sua Red Bull in 1’37”947. Nessuno ha ovviamente cercato il tempone dato che siamo ad oltre due secondi dalla pole di Hamilton, ma tutti si sono limitati alla raccolta di dati per la delibera delle mescole 2019 per la Pirelli. Quinto proprio Perez davanti a Norris, che ha migliorato la propria posizione nella fase conclusiva della giornata al volante della Mclaren in 1’38”187. Settimana la Renault di Nico Hulkenberg, seguita dalla Haas di Pietro Fittipaldi che è riuscito a tornare in pista dopo il cedimento della power unit Ferrari accusato in mattinata.

Buono anche l’approccio di Robert Kubica con la Williams, nono in 1’39”262 che gli ha permesso di mettersi immediatamente davanti al futuro compagno di squadra George Russell. Undicesimo Kimi Raikkonen, che alla sua prima volta in Alfa Romeo Sauber ha completato 102 giri con il migliore in 1’39”878. Purtroppo per lui la giornata si è chiusa male, dal momento che la vettura elvetica lo ha lasciato a piedi proprio nel corso dell’ultima ora e la sessione è stata allungata di 15 minuti per permettere il recupero della stessa Sauber. Chiude la classifica Sean Gelael sulla Toro Rosso-Honda, risultando il pilota più attivo di giornata con 150 giri in totale.

Domani sarà la giornata più attesa dal momento che Charles Leclerc debutterà sulla Ferrari lasciata libera da Vettel. Gasly sostituirà Verstappen sulla Red Bull ed arriveranno anche Carlos Sainz sulla Renault e Daniil Kvyat al ritorno in Toro Rosso-Honda. Da capire se Bottas cederà la Mercedes ad Ocon o se girerà anche domani nell’ultima giornata.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: