Le parole di Mark Webber, ex pilota Red Bull

Alla vigilia del mondiale 2020 di F1, che scatterà domenica 15 marzo con il Gran Premio d’Australia, Webber considera due piloti che senza dubbio hanno segnato, in un modo o nell’altro la storia della Formula 1. Uno è Michael Schumacher, sette volte campione del mondo, l’altro è Lewis Hamilton che sta dominando in maniera quasi incontrastata dal 2014 ad oggi e si potrebbe apprestare a conquistare il suo settimo titolo mondiale.

Il pilota australiano, infatti, ha dichiarato che Lewis Hamilton, attuale sei volte campione del mondo con la Mercedes, sia in realtà un pilota ben più completo rispetto a Michael Schumacher e pensa che quest’anno nella storia della F1 potranno esistere ben due piloti con 7 titoli mondiali a testa. “Hamilton sembra estremamente affamato e motivato, proprio come Mercedes sotto la guida di Toto Wolff”, sono state le parole di Webber a Speecafe.com. “Sono ancora un’ottima combinazione e spaventeranno le altre squadre. Certo, dobbiamo aspettare un po’ a Melbourne, perché la preparazione è e rimane una lotteria”. 

Come già detto, quindi, anche Webber, così come tanti altri appassionati considerano Hamilton ancora il favorito: “Assolutamente, non c’è dubbio. Penso anche che sia più completo di Michael. Lewis Hamilton ha raggiunto i suoi risultati in modo tecnicamente più pulito, semplicemente attraverso battaglie ruota a ruota e senza trucchi sporchi quando si tratta di combattere con altri piloti”.

A questo punto, alle parole si dà importanza a “tempo perso”. Entro domenica pomeriggio potremmo già avere una possibile idea se tutta questa fiducia in Lewis Hamilton è fondata, o se prima del cambio regolamentare rivoluzionario del 2021, qualcuno potrebbe mettere fine al dominio incontrastato delle Frecce d’Argento.

Sicuramente, qualche “purista” di questo sport, potrà storcere il naso di fronte ad affermazioni del genere, tuttavia, i campioni del mondo quasi sempre, tranne casi eccezionali, hanno vinto dei mondiali con auto più veloci rispetto alla concorrenza: da parte del motorsport, pilota e auto diventano un’unica cosa per la corsa alla vittoria.

A proposito dell'autore

Studente di ingegneria meccanica. Classe '96. Passione per motori e motorsport in generale

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: