Christian Horner ha confermato che la Red Bull ha sperimentato diverse configurazioni dell’ala anteriore durante le qualifiche del Gran Premio d’Australia, che si sono concluse con Max Verstappen in pole position. Durante le prove e la prima parte delle qualifiche, Verstappen non era il favorito per la pole position, con Carlos Sainz che si è rivelato il suo avversario più vicino. Alla fine, Verstappen ha conquistato la sua quarta pole consecutiva e la terza della stagione, continuando il suo record del 100%, mentre Sainz si è posizionato in prima fila, con Sergio Perez terzo nella seconda Red Bull RB20.

Horner ha spiegato come la squadra abbia lottato per trovare il giusto equilibrio con la macchina durante tutto il fine settimana e che ha regolato l’angolo del flapg dell’ala anteriore – uno dei pochi elementi che possono essere modificati nelle condizioni del parco chiuso – per tutta la sessione.

Photo by Mark Thompson/Getty Images) // Getty Images / Red Bul
Foto credit Red Bull Media

“Durante tutte le prove e le qualifiche, abbiamo perso circa un decimo e mezzo nel terzo settore, e finalmente siamo riusciti a trovare il giusto equilibrio [per le qualifiche]”, ha detto Horner a Viaplay NL.

“Max ha fatto due grandi giri, entrambi sufficienti per la pole, e Checo ha consegnato un ottimo giro per posizionarsi terzo sulla griglia, quindi primo e terzo è davvero buono per domani. Penso che abbiamo provato l’intera gamma di regolazioni dell’ala anteriore durante quella sessione, e abbiamo continuato ad aumentare, aumentare e aumentare l’angolo dell’ala anteriore, ed era anche piuttosto ventoso. Si stava anche raffreddando verso la fine delle qualifiche, ma lui ha messo insieme tutto, ha capito come fare e ha realizzato due grandi giri.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto