Come da programma oggi sono iniziati i test collettivi di Barcellona, molto interessanti per avere un quadro generale dei prossimi sviluppi. Questa mattina la protagonista indiscussa è stata la Mercedes che ha portato ulteriori aggiornamenti e affinamenti , alcuni molto interessanti ed originali, la pioggia ha caratterizzato l’inizio dei test ed è proprio il caso di dire ” piove sul bagnato ” per la Ferrari che ha avuto dei gravi problemi con la rottura della power unit durante Installation lap. La Mercedes ha stupito ancora una volta con soluzioni molto interessanti ed inedite,  questa volta i tecnici della Stella a tre punte hanno concentrato le loro attenzioni al posteriore.


 
Dopo il cofano motore lungo  fino al fondo, che dovrebbe creare una zona di depressione maggiore e aumentare l’efficienza del posteriore, arriva una novità assoluta.


 
Molto interessante il monkey seat totalmente ridisegnato che adesso avvolge lo scarico e nella parte superiore è piu’ arcuato con una minor incidenza  dei piccoli profili alari, questo monkey seat sembra sfrutti in qualche maniera l’aria calda proveniente dallo scarico centrale. La novià piu’ interessante sono le ciminiere dei freni sporgenti ( Vedi foto  in alto  sulla destra )  non sappiamo esattamente quale sia lo scopo principale di questa nuova soluzione, ma dovrebbe in qualche modo essere simile a cio’ che aveva fatto la Red bull, ma in questo caso, con ogni probabilità è stato estremizzato tale concetto.

Soluzione simile a quella redbull che soffia tra cerchio e paratia da notare sporco nero dei freni


 
La Mercedes e la Redbull cercano di sfruttare l’aria calda espulsa dai freni, indirizzandola verso gli pneumatici posteriori e le paratie dell’alettone  in una zona dove si crea una forte aspirazione e che contribuisce a generare deportanza. Altra piccola novita’ è il musetto chiuso, non sappiamo se sia stato sigillato per motivi funzionali, vista la pioggia anche se durante le altre gare bagnate non era mai stato chiuso, probabilmente ha una funziona aerodinamica ben precisa cercando di ridurre la resistenza sacrificando il raffreddamento del pilota.   Appuntamento a domani per il  day 2 sperando di vedere qualche interessante aggiornamento aerodinamico Ferrari.


 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: