La gara di Domenica è stata segnata da una strategia Mercedes molto ben studiata, qualcosa di sofisticato e di quasi impercettibile agli occhi dei meno smaliziati, perché in effetti stavamo quasi per cadere dentro il piccolo inganno. Partiamo, per capire, da alcuni fatti, la Ferrari si è dimostrata vettura in grado di sfruttare bene gli pneumatici usurandoli pochissimo, sia le Rosse che le Mercedes partivano con gomme Soft e pieno carico di benzina, quale poteva essere la strategia adatta per far distruggere proprio gli pneumatici della Ferrari quindi colpirla nel settore dove è più forte? Utilizzare Rosberg o comunque chi dei due si fosse trovato al secondo posto, non solo come ‘tappabuchi’ a copertura del primo ma come vettura in grado con i propri flussi sporchi di rovinare e distruggere i compound degli avversari, per fare questo serviva un elastico e cioè chi era in testa doveva favorire un recupero del 2° (Rosberg) e farlo così avvicinare da Vettel cercando di tenerlo sempre intorno ai 2- 2,5 sec. di distacco così da far investire la monoposto Rossa dai ‘residui’ aerodinamici della Mercedes e quindi far danneggiare le gomme. L’astuta strategia si è però consumata ai danni di Rosberg secondo me inconsapevole di essere utilizzato a questo scopo; per farci un’idea andiamo a vedere i grafici degli stint con gomma soft che era lo pneumatico da ‘rovinare’ perché una volta passati alle Medium non c’era più bisogno di adottare un simile comportamento

Clicca sotto per ingrandire


GP_CINA_STINT1

E’ chiaro che Hamilton fa come il gatto col topo, accelera, rallenta poi riaccelera, il tutto con lo scopo di tenere ingabbiati Rosberg e Vettel che non avevano altra scelta che seguire le prestazioni del Britannico, se questi allungava anche il Tedesco si avvicinava ed anche Vettel che era dietro , il tutto orchestrato molto bene dal muretto, che comunicava ad Hamilton i tempi esatti che doveva fare giro per giro, nel 2° stint stessa situazione

GP_CINA_STINT2

Da notare sempre come il Britannico sale e scende nei tempi facendo un elastico con chi lo seguiva e mai scappando da solo davanti, situazione che si è verificata anche nel 3° stint con le gomme Medium (in modo meno assiduo), così da non dare mai alla Ferrari la possibilità di attaccare; indicativo è il fatto che Vettel realizza il suo miglior giro solo alla tornata n. 15 quando rientra in pista con gomme Soft nuove e non ha nessuno davanti (almeno non vicino) e può così spingere a fondo ma con un carico di benzina di circa 70Kg, mentre gli altri realizzano i tempi migliori quando la vettura è scarica, in particolare Rosberg al giro 39 (circa 30Kg con gomme Medium) e Hamilton al giro 31 (circa 43 Kg con gomme Soft).

In sostanza, viste anche le lamentele di Rosberg via radio, la gara è stata studiata con un disegno strategico atto a favorire e puntare su un solo Pilota, Hamilton, ed utilizzando il suo compagno di Squadra come rovina-gomme nei confronti delle Ferrari e questo, ripeto, secondo me senza un piano concordato con il Tedesco, il quale forse ieri si è reso conto del perché lo scorso anno gli è stato firmato un contratto plurimilionario pur non essendo lui un grande Pilota. D’altro canto questo comportamento della Mercedes mette in luce una loro difficoltà e debolezza in questa stagione, l’aver trovato nella Ferrari un avversario competitivo fin dalle prime gare, da qui l’esigenza di puntare tutto su un unico Pilota e ‘sacrificare’ Rosberg, operazione che verrà eseguita anche in altri GP ovviamente, resta il fatto che oramai il Tedesco è stato definitivamente investito del ruolo di comprimario senza che questo sia stato il frutto di una pianificazione però; ci sarà forse una sua reazione? O da bravo ‘Patriota’ adotterà il buon senso per portare tranquillamente in casa Mercedes il 2° Titolo?

Vedremo nelle prossime puntate!

Marco Asfalto     

 

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: