Leclerc e Vettel hanno preceduto la Mercedes di Bottas, che sul passo gara è sembrato nettamente più veloce

Il venerdì di Montreal può essere tranquillamente suddiviso in due: la prima sessione ha messo in mostra una Mercedes straripante, capace di sfruttare come nessun altro le gomme medie gialle, rifilando un secondo di distacco a Leclerc e Verstappen. Anche l’inizio del turno pomeridiano ha ricalcato lo stesso copione, almeno fin quando Hamilton non ha stampato la propria freccia d’argento contro il muretto di curva 10 chiudendo il lavoro in anticipo.

Subito dopo, i top team hanno deciso di simulare la qualifica montando la mescola Soft che ancora non era stata provata. Valtteri Bottas ha migliorato il suo crono precedente di circa sette decimi, ma le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel hanno fatto decisamente meglio scendendo di quasi un secondo e mezzo. Questo dimostra che la rossa potrebbe assolutamente dar battaglia in qualifica, anche se ovviamente manca il confronto diretto con Hamilton. Le Mercedes restano comunque le favorite per le prove ufficiali, ma senza dubbio l’attesa è cresciuta inesorabilmente rispetto al turno mattutino.

La simulazione dei passi gara ha invece rimesso le cose abbastanza in chiaro. La prima certezza è che, molto probabilmente, Mercedes e Ferrari tenteranno di qualificarsi al Q3 utilizzando la gomma media. Questo perchè il long run con la Soft ha evidenziato un crollo verticale di prestazione, sia per il team di Brackley che per la Scuderia di Maranello. Bottas ha poi girato con la Hard, deliberandola senza dubbi come la gomma da gara. Il finlandese ha provuto provarla avendone un’altra a disposizione per il GP, mentre le rosse non hanno potuto montarla avendone a disposizione un solo set. Questo significa che domani partiranno senza sapere che risposte potrebbe dare la gomma bianca sulla Ferrari, non certo un buon punto da cui partire. Leclerc e Vettel hanno provato le gomme medie, ma con riscontri neanche paragonabili a quelli del finlandese della Mercedes.

Dunque, il ritmo sul passo gara ha messo in mostra una freccia d’argento che appare nettamente in vantaggio, mentre sembra esserci molto più equilibrio sul giro secco. Per la rossa questo non significa aver già prenotato la prima fila, ma c’è la sensazione che la partita possa essere più aperta rispetto a Monte-Carlo. A meno che gli anglo-tedeschi oggi non riportino la loro astronave a livelli stellari per tutti i terrestri della griglia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: