Il tedesco della Ferrari è sotto investigazione per un taglio in prima variante appena uscito dai box ed è sembrato già particolarmente deluso a caldo per il quarto tempo nelle qualifiche del GP d’Italia 2019. Mattia Binotto analizzerà l’accaduto in serata.

Sebastian Vettel è rimasto imbottigliato nel traffico, dovendo abortire il suo ultimo tentativo in Q3. Il tedesco è sotto investigazione ora per un episodio relativo alle 15:43, ovvero per il taglio in prima variante appena uscito dai box. Vettel insieme ad Hulkenberg, Sainz e Stroll saranno sentiti dai commissari, naturalmente gli ultimi tre piloti per guida lenta non necessaria in occasione dell’ultimo tentativo in Q3. Vettel, comunque, ha marcato solo il tempo di 1:19.457, registrato prima della bandiera rossa. Nel primo e unico tentativo in Q3, inoltre, il tedesco ha rischiato di vedersi cancellato il crono per una Parabolica con 3 ruote su quattro fuori traiettoria.

Tra Leclerc e Vettel vi è poi stata una incomprensione che è risultata fatale a Vettel per provare a conquistare la prima fila. Leclerc, già in prima posizione, doveva ricambiare il gioco di squadra e dare la scia a Vettel che però non è riuscito a causa dei rallentamenti a tagliare in tempo il traguardo prima della bandiera a scacchi.

La prima domanda che è stata rivolta a Vettel, il tedesco ha ammesso che qualcosa non ha funzionato: “Probabilmente sì, perché era inutile così tardi, lui doveva essere davanti fin da subito. Ad ogni modo sono contento della macchina, la qualifica è andata bene, la macchina era ottima, ho fatto un ottimo giro ma non avevo la scia. Questa è la differenza tra fare la pole e non fare la pole oggi. Con Charles credo che non abbiamo eseguito quello che avevamo pensato oggi. Ad ogni modo per il team è un buon risultato e vedremo cosa riusciremo a fare domani”.

Il tedesco avrebbe voluto completare una prima fila rossa e ha spiegato: “Sarebbe stato più semplice partire più avanti, ma la situazione è questa. Ho avuto una buona sensazione oggi, ho fatto un ottimo giro credo però nessuno mi ha dato la scia, oggi sono stato un po’ solitario”.

https://twitter.com/Charles_Leclerc/status/1170377063875973127

Mattia Binotto non è apparso soddisfatto del caos finale e ha dichiarato: “Peccato per Sebastian. Il secondo tentativo è quello in cui avrebbe dovuto sfruttare al meglio la scia. Le cose non hanno girato come le avevamo previste, poi è successo quello che è successo. Oggi Seb era molto veloce, credo che avrebbe potuto fare un’ottima qualifica. Lui lo sentiva, era convinto di poter fare molto bene. Trovarsi in questa posizione non è quel che sperava. Capisco la sua frustrazione. Finite le cose da fare dopo la qualifica parleremo insieme a lui e cercheremo di capire cosa si potesse fare di diverso. Sono situazioni che nascono, non dico imprevedibili perché sapevamo che tutti sarebbero usciti all’ultimo e avrebbero cercato di stare davanti. La scia conta molto, lo abbiamo visto stamattina provando la qualifica, sono almeno quattro decimi ed era determinante per fare un bel tempo”.

La strategia della Rossa prevedeva che Leclerc avrebbe dovuto dare la sua scia a Vettel per l’ultimo tentativo. “Dobbiamo riguardare tutto onestamente, per noi è tutto in diretta. Riguarderemo i dati e alcune situazioni, anche nel primo run, ce ne sono da chiarire, poi valuteremo – ha spiegato Mattia BinottoUna pole è sempre una pole, resta un bellissimo risultato. Dispiace tanto per Sebastian. Detto questo, essere davanti a tutti a Monza è la prima gioia, si è sentito il boato dei tifosi”.

Qualifiche Monza leclerc

Charles Leclerc ha colto la quarta pole stagionale alla pari del duo della Mercedes. Mattia Binotto ha spiegato il lavoro che c’è dietro ai risultati del monegasco: “Sono scenari che uno prepara prima, non è che si improvvisano. È chiaro che uno in pole al primo tentativo si trova lì davanti alla fine si chiede ‘chi me lo fa fare di tirare’. Vogliamo una doppietta domani, e la qualifica di oggi non complica i piani. Sarà gara lunga, combattuta. Partendo primi e quarti, la partenza è chiave. Si può far bene fino alla prima chicane, il tratto è lungo, poi ci saranno opportunità al pit stop e con la nostra velocità magari anche chance in pista. Intanto ci sarà certamente qualcosa da chiarire nel debriefing di questa sera”.

GP Italia 2019 – Leclerc: “Il lavoro di Seb sarà fondamentale per il risultato del team domani”

Immagine

A proposito dell'autore

I believe that everyone has a calling, motorsport is my true passion! Addicted to Formula 1 🏆 Formula E ⚡️ Automotive 🖊️ FIA Accredited. Follow me: Twitter | Linkedin

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: