Il quotidiano Berlin Kurier alza un polverone su un presunto accordo tra le due squadre di Mateschitz contro la rossa

Il Gran Premio della Cina è andato in archivio da quasi una settimana, eppure c’è ancora tempo per le polemiche. Nel corso del trentaduesimo passaggio le due Toro Rosso di Hartley e Gasly sono entrate in collisione al tornantino dopo il lungo rettilineo, lasciando detriti in pista e causando il successivo ingresso della safety car. Fin qui nulla di strano.

Il giornale teutonico Berlin Kurier sostiene invece che la collisione tra i due piloti della scuderia faentina sia stata volontaria, facendo si che con l’ingresso della vettura di sicurezza potessero essere avvantaggiate le Red Bull di Ricciardo e Verstappen, per montare le gomme Soft e scavalcare i leader della gara Bottas e Vettel. Senza dubbio quanto scritto dalla stampa tedesca appare esagerato e infondato, eppure qualcosa che può far pensar male c’è. La safety car è stata infatti mandata in pista due giri dopo l’accaduto ed esattamente nel momento in cui Bottas e Vettel avevano appena passato il traguardo, dunque erano impossibilitati ad entrare per montare le gomme più fresche e performanti.

La sosta è stata invece possibile per le Red Bull, con la squadra anglo-austriaca che ha effettuato un doppio cambio degli pneumatici permettendo ai piloti di riuscire a rimontare nelle fasi finali della gara. Da tutto questo è scaturito anche il contatto Verstappen-Vettel che ha danneggiato la Ferrari del tedesco, soltanto ottavo sul traguardo di Shanghai. Momentaneamente la FIA non ha dichiarato di voler indagare su quanto accaduto, ma per capire meglio ciò che accadrà bisogna attendere le prossime settimane.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: