Per cercare di colmare il gap dalla Ferrari si lavora senza sosta a Brackley

La vittoria di Lewis Hamilton ha rappresentato un segnale forte per la stagione. Con temperature di aria ed asfalto proibitive, la W09 ha brillantemente superato un esame che in passato l’aveva vista in grossa difficoltà. Con un clima decisamente più mite in Austria la Mercedes aveva distrutto le gomme posteriori a causa del blistering, mentre all’Hungaroring la resa è stata perfetta.

Molto importante è stato l’essere riusciti con Hamilton ad effettuare un lungo stint iniziale di 25 giri con la UltraSoft, per poi montare la Soft ed affrontare i restanti 45 passaggi. Toto Wolff ha spiegato che uno degli aspetti fondamentali è stato quello di riuscire a restare davanti alla partenza, in modo da avere aria pulita davanti risparmiando le gomme. In casa Mercedes sono molto soddisfatti, dato che fino a poco fa un risultato del genere in condizioni così estreme appariva irraggiungibile.

Nonostante una grande crescita, la Ferrari appare ancora come la macchina da battere e in casa Mercedes non possono certo dormire sonni tranquilli. Si sta migliorando anche dal punto di vista delle partenze, dopo le difficoltà di Bottas in Austria e si Hamilton in Gran Bretagna. La rossa è da anni il punto di riferimento in questa fase e nella F1 di oggi è fondamentale avere la meglio al via data la difficoltà dei sorpassi.