Il marchio italiano è presente nella Formula 1 come sponsor della Sauber dal 2018, e dal 2019 la squadra ne ha preso il nome completo.

Eppure, in sostanza, è semplicemente un accordo di sponsorizzazione che sfrutta il rapporto “familiare” con il fornitore di propulsori e cambi Ferrari.

Porsche sembra destinata a finanziare e marchiare il nuovo motore Red Bull Powertrains, mentre Audi prevede di acquistare un team che diventerà la sua entrata in fabbrica, mentre allo stesso tempo eseguirà un programma motore separato dalla Germania.

Nel complesso, sarà un esercizio molto costoso. Nel frattempo, l’Alfa Romeo, che dovrebbe annunciare la decisione di rinnovare il suo rapporto con la Sauber a luglio, sta generando un alto profilo per una spesa molto più modesta.

Carlos Tavares, CEO del Gruppo Stellantis che possiede l’Alfa Romeo e una serie di altri marchi, non si scusa per il modo in cui funziona l’accordo e confuta qualsiasi suggerimento secondo cui forse l’Alfa dovrebbe essere coinvolta in modo più diretto, e forse fare il grande passo e acquistare la squadra svizzera.

“Se funziona, se la squadra è motivata, se i dipendenti sono entusiasti di quello che stanno facendo, se i risultati stanno migliorando, se i piloti dicono che la macchina va sempre meglio, se lo vedi dai risultati, se siamo qui per discuterne, è perché funziona. Oggi ho una forte partnership”, dice. “Funziona. La squadra si chiama Alfa Romeo F1 team.

Perché dovremmo criticare il fatto che abbiamo una forte partnership?

Perché dovremmo pensare che c’è solo un modo per essere in F1, che è avere una squadra? Qual è il vantaggio? Il vantaggio che vogliamo per gli appassionati di sport motoristici è correre duramente in pista. Questo è quello che vogliono vedere. E poi vorrei chiedere cosa c’è di sbagliato nell’avere una forte partnership in un team chiamato Alfa Romeo F1 team?

Quindi dovremmo aprire le nostre menti al fatto che i modelli di business dell’essere presenti in F1 sono più di uno, forse due, forse tre, forse quattro? Non lo so. Alfa Romeo è uno dei nostri tre marchi premium. È l’unico di quei tre marchi premium presente nei tre maggiori mercati del mondo, Nord America, Europa e Cina. Ha quindi una precisa esigenza di accrescere la propria consapevolezza e l’opinione generale in tutto il mondo.

Per tutte le case automobilistiche che stanno lavorando duramente per diventare le migliori, come nel caso di Stellantis, questo è ovviamente un posto dove stare”, dice. “Per dimostrare che ai margini del mondo del motorsport, possiamo generare buoni risultati. E ovviamente la F1 è uno spettacolo perfetto per aumentare la consapevolezza di un marchio premium globale chiamato Alfa Romeo.”

Non sorprende che Tavares accolga con favore la prevista presenza di Audi e Porsche a partire dal 2026:

sono entrambi nomi con cui l’Alfa Romeo vorrebbe essere vista in competizione. Tuttavia, avverte che il loro arrivo non dovrebbe essere autorizzato a far aumentare la spesa.

“Non è nel nostro interesse, noi appassionati di sport motoristici, lasciare che l’inflazione prenda piede. Perché dopo l’inflazione, c’è l’assurdità, dopo l’assurdità, esplode. E dopo che è esploso, tutto deve essere ricostruito.

Quindi diamo il benvenuto agli altri OEM molto sinceramente, perché è buono. Questo è lo sport, questa è la grande battaglia. Ecco perché siamo qui. Ci piace. Ma è importante che sia combinato con budget ragionevoli che proteggano il ROI, perché il ROI è il motivo per cui siamo qui.

Quindi, se i nuovi arrivati ​​​​entrano e fanno saltare in aria lo spettacolo, perché sono pronti a spendere soldi a un livello che non ha senso, anche per i nostri dipendenti non ha senso, allora tre anni dopo, lo spettacolo fallisce.”

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: