Una recente intervista di Franz Tost, team principal di Toro Rosso ha riportato alla ribalta i costi della microaereodinamica che tanto sta facendo parlare di sè in questi periodi. Con un regolamento che non lascia assolutamente campo ad innovazioni dal punto di vista motoristico e telaistico, i decimi possono essere raggranellati con gli elementi aereodinamici, ma non quelli “macro” come l’ala anteriore, quella posteriore ed il fondo, ma con tutte le alette, i bargeoboard, i deviatori di flusso.

Pierre Gasly Toro Rosso

 

Questi elementi purtroppo non portano nulla che possa essere riversato sulle auto di serie e fanno lievitare immensamente i costi. Basti pensare all’ala anteriore, ogni esemplare costa migliaia di euro. Ogni aggiornamento costringe il team a produrre solitamente 5 pezzi, per una spesa totale di un centinaio di migliaia di euro (stima grossolana). I top team presentano un’ala nuova ad ogni Gran Premio ed è facile fare i conti. Milioni di euro…solo per l’ala anteriore. E questo discorso va quindi moltiplicato per tutti gli elementi. Ed in tutto questo non abbiamo preso in considerazione le ore di CFD, Galleria del vento, Engineering, progettazione e realizzazione stampi ed attrezzature.

Pierre Gasly Toro Rosso

Parlando da un punto di vista estetico, queste vetture Barocche, piacciono ai tifosi? Probabilmente no, visto quando caos è stato scatenato dalle T-wing. Ed in caso di ruota contro ruota, quali sono i primi particolari a rompersi, portando ad un decremento delle prestazioni?
Quando due anni fa il nuovo regolamento sulle “misure” delle ali è stato deliberato, si è andato nella direzione sbagliata, in quanto la FIA ha imposto la sezione centrale dell’ala Y250 a tutti i team, nel tentativo di limitare l’influenza dell’upwash della vettura anteriore, permettendo però ali larghe che rendono ogni sorpasso un rischio che molto spesso non vale la candela, con gli avvicendamenti che avvengono più spesso durante il balletto dei pit stop che non sul tracciato, a meno di avere condizioni di gomma estremamente diverse (quanti sorpassi ci sono con gomme uguali ed allo stesso stato di degrado?Praticamente nessuno). Se veramente la federazione vuole una lotta più avvincente e calmierare i costi, le alette devono sparire. Quanti piangeranno per la loro dipartita? Io sicuramente no

By Ing.  Werner Quevedo

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: