Archiviato anche il 3° appuntamento del Campionato Italiano GT3; che, lasciatemelo dire, ci ha regalato emozioni infinite in queste due gare su di una pista, Imola, molto tecnica e che mette sempre in risalto il talento del Pilota e non solo l’efficienza del mezzo meccanico. Il Team Ebimotors ha colto dei buoni risultati ma probabilmente meno di quanto meritasse; sulla vettura n. 44, la Porsche 997 GT3 R, si sono alternati Vincenzo Donativi e Vito Postiglione, protagonisti in entrambe le gare con performance di livello e duelli al cardiopalma. Tutto è iniziato con le Qualifiche 1 durante le quali l’Esperto e velocissimo Vito Postiglione ha piazzato la ‘zampata’, 2° tempo con il timing di 1:42.366 a soli 0,058 sec. dalla Pole Position di Thomas Biagi su McLaren; veramente un’inezia; un giro comunque meraviglioso in cui la Porsche ha messo in mostra un set-up veramente bilanciato, traiettorie strette, vettura stabile ottima accelerazione e solo qualche sbavatura in frenata. Nella Qualifica 2 è toccato a Vincenzo Donativi

ebimotors2jpg

mettersi al volante, tempi simili al Compagno di Squadra in tutti i settori tranne nel 4° dove perdeva sistematicamente alle acque minerali, forse un approccio diverso nello stile di guida, ed infatti arriva il piazzamento in 12° casella a 1,472 sec. dalla vetta che non ha rispecchiato per nulla sia la capacità del Pilota che la competitività della vettura; diciamo, onestamente, che si poteva tranquillamente partire dalla 6°-8° casella; comunque queste sono le gare e non tutto va sempre per il verso giusto, anche perché la finestra temporale di una buona qualifica è molto stretta e basta un piccolissimo problema o una bandiera rossa per rovinare tutto il lavoro di preparazione fatto dal Team. Comunque c’è stato il tempo per rifarsi e un buon risultato stava in effetti per arrivare in Gara 1, Postiglione parte dalla seconda posizione ma riesce subito a bruciare la McLaren di Thomas Biagi, passando così al traguardo del 1° giro in prima posizione che manterrà per ben 17 tornate; in un susseguirsi di tempi veramente ottimi tutti sul 1.43 alto; tuttavia, per il gioco dei cambi di Pilota, si ritrova ad un certo punto imbottigliato da altre vetture e non riesce a sfruttare la performance della macchina; è stato a quel punto che ha perso in parte il margine accumulato sull’inseguitore e forse anticipando il cambio di un paio di giri si sarebbe ovviato al problema del traffico in pista anche in previsione dell’altro Driver che ne avrebbe preso il posto. Si arriva al cambio e sale in vettura Vincenzo Donativi che rientra in 2° posizione; il timing dei primi 3 settori era molto simile al Compagno di Squadra, è stato nel 4° settore che la differenza tra i due si faceva più marcata (come accaduto in qualifica e in tutto il week end), tuttavia, un Podio era alla portata anche se Vincenzo si è trovato subito sotto attacco e quel secondo di differenza nel 4 settore probabilmente era dovuto alla necessità anche di difendersi; purtroppo al giro 22 alla variante alta, una toccata da parte di Francioni (McLaren) che aveva evidenti problemi ai freni e temperature motore altissime, costringe la vettura n.44 ad un testa-coda che costa ben 4 posizioni, portando così la Porsche ad arrivare al traguardo 6° con circa 34 sec. di ritardo dal primo; se consideriamo che oltre la perdita di posizioni in quella tornata si sono persi più di 20 secondi abbiamo idea di quanto è costato il tamponamento subito dalla Vettura del Team Ebimotors, un probabile podio sfumato in un attimo; c’è da menzionare, comunque, la correttezza di Francioni, il quale a fine gara è andato a scusarsi per l’accaduto, qualcosa che sta diventando sempre più raro nel motor sport; ovvio che nel box fossero tutti un poco su di giri, ma insomma tutti possono sbagliare e l’incidente è stato chiuso lì, come era giusto che fosse tra Veri Uomini di Sport. Gara 2 ha riservato altre sorprese, questa volta era ancora più difficile con Donativi che partiva 12°, perde purtroppo 2 posizioni al 1° giro dovute fondamentalmente alla bagarre iniziale, e all’esigenza di non rovinare subito la gara, che in effetti ne ha avuti di incidenti e sportellate, riuscire nel traffico a gestirsi e rimanere ‘fuori dai guai’ è frutto di talento come lo è fare giri veloci, un Pilota è questo, deve spingere col Cuore ma anche con la Testa, quante volte capita che partendo dalle retrovie si va a rovinare una gara per troppa foga e poca attenzione? Cmq dalla 2° tornata in poi la vettura n.44 stabilizza i propri tempi tutti sul 1:45 medio, in pratica giri fotocopia, con Vincenzo Donativi ben attento a conservare soprattutto le gomme, macchina mai scomposta e traiettorie ideali, tutto con l’intento di ‘consegnare’ al Compagno di Squadra una vettura ancora performante ed al 100%; il cambio avviene alla tornata n. 12 con la vettura al 13° posto in classifica; rientra così Vito Postiglione in 24° posizione un momento di caos con tantissime vetture a fare i cambi, la classifica diventerà più rispondente alla realtà solo al giro 15 con Vito che si trova 14°, inizia a quel punto a duellare con svariate vetture fino ad abbassare il crono al giro 23 con il timing di 1:43.529, dato che conferma l’ottima gestione delle gomme in tutta la gara; tra l’altro rischia di finire fuori per sorpassare un doppiato, un piccolo ‘qui pro quo’ che poteva costare caro e in un’altra occasione, al Tamburello, mette tutte e 4 le ruote fuori della pista continuando a spingere come un forsennato! Tanta fame in questo week end per Postiglione che in entrambe le gare ha dato veramente spettacolo; comportandosi come un vero duro delle corse, piede pesante e nervi d’acciaio… Alla Bandiera a scacchi si classifica 5° a soli 14,858 sec. dalla vetta.

Assolutamente da menzionare il record di Vittorie nel Trofeo Pirelli riservato alle sole coppie di Piloti Professionisti e Gentleman, ad oggi su 4 gare disputate, il duo Donativi-Postiglione ha realizzato 3 primi posti ed un secondo posto; davvero un ottimo risultato che conferma l’affiatamento dei due Driver oltre che il loro alto livello di competitività.

Insomma tutto sommato un buon week end per il Team Ebimotors ad Imola, che riparte per il Mugello consapevole della propria forza e con l’ambizione di arrivare lontano in questo Spettacolare Campionato…

Marco Asfalto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: