Nella notte di Sakhir Sebastian Vettel firma la sua 51esima pole position in carriera nella sua 200esima partenza in F1. Seguono un grande Kimi Raikkonen e terzo Valtteri Bottas.

Una notte magica quella che la Ferrari sta vivendo in questo momento, dopo aver firmato una doppietta in qualifica che non si vedeva dal Gp di Ungheria 2017. Strepitosa prestazione dei due alfieri della Rossa che hanno dominato l’intera qualifica, con Sebastian Vettel in grado di dare la zampata finale e mettere il sigillo sulla sua 51° pole in carriera.

Racconto della qualifica

Nella Q1 entrambi i piloti della Ferrari (e Bottas)  hanno optato per un run con gomme a mescola Soft, ottenendo a fine sessione i migliori due tempi con Kimi primo e Vettel secondo. La Mercedes di Hamilton, con alle spalle la penalità per la sostituzione del cambio, non ha brillato nonostante l’uso della mescola Supersoft. A 5 minuti dalla fine del Q1, Max Verstappen con la sua Red Bull ha perso il controllo  in uscita di curva 3 andando a sbattere contro le barriere e mettendo fine alle sue qualifiche nonostante fosse già qualificato per il Q2. Impatto lieve ma sufficiente per mettere l’olandese fuori dai giochi già dalla prima manche.

Nel Q2 entrambe le Ferrari sono scese in pista per un run su mescola Supersoft , al contrario di Lewis Hamilton che ha deciso di montare le gomme Soft, con cui partirà domani, per usufruire di una strategia differente in gara vista la retrocessione in griglia. Nonostante la mescola di svantaggio, il pilota inglese della stella a tre punte ha ottenuto un tempo vicinissimo a quelli registrati da Vettel e Raikkonen, che hanno usato però la mescola Supersoft. Tempo interessante quello di Lewis, il che dimostra che la sua Mercedes “digerisce” meglio le mescole più dure.

Q3 infuocato, con Kimi Raikkonen che nel primo run della sessione si prende la pole provvisoria davanti a Vettel, che va largo all’ultima curva, finendo comunque a pochi millesimi dal compagno. Nel secondo run Seb fa la magia, riuscendo a togliere la pole position al compagno di squadra per soli 143 millesimi con il tempo di 1.27.958, che diventa il nuovo record della pista oltre a far diventare il tedesco l’unico pilota ad abbassare il limite sul giro sotto 1,28.

Dietro le due Ferrari in prima fila, troviamo la Mercedes di Valtteri Bottas che all’ultimo tentativo è riuscito ad avvicinare le due rosse tanto da essere a soli 23 millesimi da Kimi Raikkonen. Lewis Hamilton ferma il cronometro con il tempo di 1.28.220, tempo che gli da il quarto tempo ma con la penalità per la sostituzione del cambio partirà “solo” dalla nona posizione.

In generale una prestazione davvero brillante della Ferrari in qualifica, che conferma le buone impressioni avute nella giornata di ieri e inoltre conferma la buona crescita della SF71H, che dopo i problemi patiti in Australia, sembra aver trovato le giuste contromisure. La vera sfida sarà domani in gara, dove nelle simulazioni di ieri la Red Bull si è dimostrata davvero competitiva e costante nei tempi. La Ferrari però potrà contare, come in Australia, ad un attacco a due punte, cosa che Mercedes e Red Bull non potranno fare viste le partenze a metà schieramento di Hamilton e Verstappen. Con due Ferrari in prima fila sarà sicuramente una gara da non perdere.

 

Vettel: “Pole a sorpresa ma la SF71H ora si comporta come voglio”

Il pilota tedesco della Ferrari con la pole odierna raggiunge la 51esima pole in carriera nella sua 200esima partenza da quando è in F1 e inoltre registra il record della pista di Sakhir. Un Vettel davvero contento quello trovato davanti ai microfoni dei giornalisti, perchè si rende conto dei miglioramenti che la sua “LORIA” sta compiendo in queste settimane e di quanto la squadra lo abbia aiutato per avere un feeling ottimale con la vettura. Una qualifica, quella di oggi, che sembra quasi oscurare quella di Melbourne, dove la Ferrari aveva rimediato un distacco di 6 decimi e che mette in luce i miglioramenti della SF71H.

Seb ci spiega come non fosse contento del suo primo tentativo in Q3 :”E’ stata una sessione piuttosto tesa e non ero contento del primo tentativo in Q3 quando ho buttato tutto al vento nell’ultima curva. Sono contento di aver fatto un secondo giro pulito, sapevo di dover stare lontano dal cordolo”.

Una Ferrari, che con Raikkonen in particolare, ha brillato per tutto il weekend e Seb elogia i miglioramenti che la SF71H ha fatto da Melbourne:”La pole è stata una sorpresa, specie considerando il distacco rimediato in Australia. Ovviamente questa è una pista diversa, ma è importante continuare a migliorare e lavorare sull’assetto della macchina e sulla comprensione della vettura”.

Seb si è poi focalizzato sui problemi di scarso feeling con l’anteriore che ha avuto sin da Melbourne e che con le modifiche apportate in questo weekend la situazione sia molto migliorata:“Abbiamo provato varie cose. Dopo la gara dell’Australia abbiamo analizzato varie cose ed abbiamo avuto un’idea più chiara delle nostre carenze. Non mi piaceva come si inseriva in curva l’anteriore della macchina ed era difficile guidare attorno a questo problema. Qui abbiamo provato delle soluzioni che ci hanno fatto sentire subito a nostro agio”.“Ovviamente quando ti senti a tuo agio con l’anteriore hai più fiducia e tendi ad andare più veloce. Quando la macchina risponde bene è un piacere da guidare, al contrario diventa una lotta. Abbiamo fatto un grande progresso già ieri”

Infine Seb cerca di calmare un po’ gli animi, affermando che la bella prestazione della Ferrari in qualifica potrebbe non essere confermata in gara ma elogia le grandi potenzialità della vettura:“Sono contento che la direzione che abbiamo preso sia quella giusta, ma dobbiamo confermarci domani. Sarà una gara lunga, ma il risultato di oggi è eccezionale. Abbiamo costruito una vettura abbastanza forte da monopolizzare la prima fila”.

 

Raikkonen:” Mi aspettavo un risultato migliore della seconda posizione”

E’un Kimi Raikkonen un po’ deluso quello visto al termine delle qualifiche, che nonostatante la prima fila accanto al compagno in pole Vettel, si aspettava di fare lui stesso la pole. Kimi ritiene di non essere riuscito a fare la pole a causa del traffico trovato negli ultimi minuti della qualifica. Da sottolineare l’ottimo stato di forma del pilota finlandese, che nel resto del weekend ha sempre preceduto il compagno di squadra, mostrando un pilota tutt’altro che pronto per la pensione.

Ecco le parole del finlandese

“Sicuramente non è un risultato ideale, purtroppo nell’ultimo tentativo il traffico mi ha ostacolato e non sono riuscito a migliorare. In ogni caso devo accontentarmi”.”Onestamente speravo in un risultato migliore oggi, sono deluso di quanto accaduto. Ad ogni modo la posizione di partenza è buona anche se non è quella che speravo. E’ stata una situazione ben lontana dall’essere perfetta visto il traffico incontrato nell’ultimo tentativo, non potevo farci nulla”.”Oggi è soltanto sabato, la giornata importante è domani. E’ in gara che si conquistano i punti e bisognerà aspettare la domenica per capire cosa accadrà. La macchina, in ogni caso, sembra essere messa bene sul passo gara. Vedremo cosa riusciremo a fare domani”

 

 

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: