Pochi minuti prima della presentazione della Ferrari 2018, la Merceds W09 fa il suo debutto in pista.


La vettura di quest’anno è il naturale sviluppo di quella 2017; il team tedesco infatti, nel momento in cui il campionato era ormai indirizzato ha iniziato a sviluppare una versione della vettura “ibrida” per anticipare i tempi e guadagnare mesi di sviluppo. Se le voci sul propulsore, l’olio e le sospensioni sono ormai incontrollate, il debutto della vettura ci ha mostrato la sua veste aereodinamica.

Per il muso la filosofia è controcorrente come l’anno passato, invece di sfruttare l’aria che passa sotto il crashbox, si sfrutta l’aria che passa attorno,elaborandola col cucchiaio. Le telecamere sono poste staccate dalla superficie,con dei supporti che vengono dalla parte posteriore del muso: c’è da aspettarsi riprese un pò mosse!

Immagine

Dove il muso si unisce al telaio c’è una brusca variazione di sezione (il telaio deve rispettare una dimensione regolamentare in larghezza ed altezza, il muso no) ed immediatamente notiamo lo sfogo dell’S-duct (le bocche di squalo sono quasi invisibili a causa della colorazione scura della parte inferiore della monoposto.

Il soliti coltelli e bargeboard con svariati soffiaggi anticipano e accarezzano le pance con un design dell’imbocco molto molto semplice. Ancora una volta prima degli specchietti una bandella verticale che sembra un supporto invertito.

Anche la W09 ha delle pance aderenti nella zona centrale, cambia invece l’andamento dell’airbox piu’ squadrato.

Le pance sono molto aderenti ai radiatori e si restringono immediatamente dopo di loro. A differenza delle altre vetture con fondi più o meno camuffati, la Mercedes ha mostrato la zona davanti alla ruota ricca di soffiaggi e con un ponticello retto da un triangolo metallico.

Immagine

Sono presenti due “t-wing” se così le possiamo chiamare , una montata a metà pilone ed una nascosta tra gli attacchi sospensione.

Immagine

Si può notare un rigonfiamento nella zona coca cola, potrebbe trattarsi della sospensione posteriore. L’ala posteriore del debutto è a cucchiaio con monopilone ma verrà cambiata di gara in gara. Grande cura è stata dedicata alle prese freno anteriori e posteriori che fungono da elemento aereodinamico ancora pià dell’anno passato. Il pivot di attacco sospensione è molto rialzato, ancor più del 2017. Che la freccia d’argento sia ancora la vettura da battere? Probabilmente si

 

Ing. Werner Quevedo Twitter Foto credit Mercedes AMG media

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: