Il russo monta le gomme più morbide e si prende la vetta. Impressionante il ritmo di Hamilton e Verstappen

Dopo due giorni di dominio Ferrari è arrivata la zampata della Toro Rosso-Honda, che nel finale di sessione si è presa il miglior tempo con il rientrante Daniil Kvyat. Il russo ha montato le gomme a mescola C5 ( le più morbide della gamma Pirelli) con le quali ha girato in 1’17’704’’. Con questa prestazione ha così scalzato Kimi Raikkonen, secondo staccato di appena 58 millesimi a parità di gomma. La gran giornata della Toro Rosso è confermata dai ben 137 giri inanellati dal #26, che lo rendono il secondo più attivo di oggi dietro ai 138 dello stesso Raikkonen. Terzo posto per Daniel Ricciardo con la Renault, autore di un 1’18’’164 arrivato però con mescola C4.

Passando ai big, in termini di prestazione assoluta il primo è Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari ha staccato il quarto tempo in mattinata in 1’18’’350 con mescola C3 a banda gialla. La SF90 ha girato meno rispetto agli altri giorni ma ha completato comunque 134 passaggi. In termini di passo gara, la nuova rossa ha mostrato invece qualche magagna: dopo pochi giri, le gomme davano segni di cedimento con una costanza presenza di graining che costringeva Seb ad alzare i tempi. Il lavoro nel box del Cavallino si è chiuso con un’ora d’anticipo, visto che è stato raggiunto il chilometraggio prestabilito di 2000 chilometri nei primi tre giorni.

Un gran segnale è arrivato da Mercedes e Red Bull. Dopo un inizio in sordina, le due squadre di punta assieme alla Ferrari hanno dimostrato una costanza impressionante i termini di passo gara. Molto veloce e regolare quello di Lewis Hamilton sulla W10, in grado di tenere tempi sull’1’22’’/ 1’23’’ per lunghi tratti. Ancor più a suo agio Max Verstappen, capace di stare tranquillamente anche sull’1’21’’ con gomma gialla senza mai dare l’impressione di voler forzare. L’olandese si è piazzato al quinto posto nella lista dei tempi, forte di un 1’18’’787 stampato nelle prime fasi del pomeriggio. Per lui 109 passaggi completati.

La Mercedes è stata anche oggi la monoposto più attiva, con Hamilton che ha girato nella sessione pomeridiana nella quale ha inanellato ben 94 giri contro gli 88 di Bottas della mattinata, per un totale di 182 tornate odierne. Una regolarità che fa già paura, anche se nella lista dei tempi il campione del mondo è soltanto penultimo alle spalle del compagno di squadra.

Sesto Nico Hülkenberg davanti alle Haas di Grosjean e Fittipaldi. Le vetture del team statunitense continuano a causare bandiere rosse a ripetizione per via di problemi ai freni sul posteriore, con il francese che si è fermato negli ultimi minuti costringendo i commissari a concludere anzitempo la sessione. Oggi è mancato l’acuto finale della Mclaren, con Carlos Sainz solo nono davanti ad una Racing Point che è solo decima con Sergio Perez e che continua a deludere. La classifica si chiude con la Williams di George Russel, finalmente scesa in pista dopo aver saltato due giorni e mezzo di test. Il miglior tempo del debuttante britannico è un deludente 1’25’’625, segno che la FW42 potrebbe fare da chicane mobile per le prime gare stagionali.

https://www.youtube.com/watch?v=xRg6X-xLD1U

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: