FIA e F1 si sono impegnate, a partire dal 2026, ad utilizzare gruppi motopropulsori ibridi turbo. Questi motori funzioneranno con carburante completamente sostenibile.

Una delle novità maggiori riguarda l’energia delle batterie. L’energia verrà approssimativamente utilizzata metà elettrica e metà proveniente dal motore a combustione interna.

Essere all’avanguardia nello sviluppo della tecnologia delle batterie è necessario per la F1. Ciò serve a mantenere l’interesse dei produttori di auto stradali, che stanno via via puntando a veicoli 100% elettrici.

Tuttavia, se si dimostrasse adatta alle competizioni, in futuro si potrebbe anche utilizzare l’energia dell’idrogeno. FIA e F1 si sono recentemente unite alla serie di Extreme E ed Extreme H, formando un gruppo per valutare questa tecnologia.

Il responsabile delle questioni relative alle monoposto della FIA, Nikolas Tombazis, ha affermato che è fondamentale avere delle regole che diano valore ai produttori. “Il passo per il 2026 è definito, ma ciò che faremo nel passo successivo è ancora in fase di discussione ha dichiarato Tombazis.

“Ci sono ancora molte opzioni sul tavolo; che si tratti di carburanti più sostenibili, di idrogeno, su cui stiamo lavorando molto nella FIA, o di maggiore elettrificazione”.

“Ma vogliamo sempre rimanere in linea con ciò che vogliono fare gli OEM che partecipano. Non possiamo seguire una direzione completamente casuale che non sia legata alle auto stradali”.

“Dobbiamo rimanere rilevanti per la strada, questo è l’obiettivo principale, e credo che chiunque cammini attorno al paddock possa vedere che c’è una enorme quantità di sfide da affrontare”.

Fia motore 2026

Obiettivo “net zero carbon”

L’obiettivo della Formula 1 è quello di raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2030. I nuovi gruppi motopropulsori ibridi turbo sono gli elementi centrali di questo obiettivo.

Tuttavia, le emissioni delle vetture da corsa costituiscono solo una piccola percentuale dell’impronta di carbonio complessiva della F1. Di ciò la FIA è consapevole. Quest’ultima ritiene infatti che sia necessario compiere molti sforzi esterni alle normative tecniche per migliorare la situazione.

“L’elemento delle auto stesse, come percentuale dell’impronta di carbonio complessiva, è molto bassoha aggiunto Tombazis. “Penso che sia inferiore al 2% complessivo”.

“Quindi è ovvio che la nostra responsabilità complessiva per lo sport deve affrontare anche l’altro 98%, e questo deve essere coperto da logistica, materiali, numero di componenti, calendari, molte cose”.

“Ma il lato delle auto è importante dal punto di vista tecnologico, in relazione agli OEM che partecipano e che possono lavorare su tecnologie e altro ancora”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto