Il Team Principal della Aston Martin ha difeso Sebastian Vettel, protagonista di due Gran Premi molto deludenti con il team anglo-canadese.

L’inizio dell’avventura in Aston Martin non è stato di certo memorabile per Sebastian Vettel. Il quattro volte campione del mondo ha infatti sofferto molto sia a Sakhir che ad Imola, venendo comodamente battuto dal compagno di squadra Lance Stroll. Le prestazioni del tedesco sono state piuttosto incolore, in linea con quelle della maggior parte dei piloti che hanno cambiato team, e non è mancato qualche errore evidente come il tamponamento ad Ocon. Anche la sfortuna ha giocato un ruolo fondamentale: prima, le bandiere gialle hanno compromesso le sue qualifiche in Bahrein; poi, i gravi problemi tecnici sulla griglia di partenza e una penalità dovuta ad un errore del team hanno rovinato il suo GP del Made in Italy. Il difficile inizio di Vettel non ha comunque preoccupato il suo boss, Otmar Szafnauer, che lo ha difeso a spada tratta dopo la gara di domenica.

“Penso che sia tutto ok.” – ha detto il Team Principal della Aston Martin, citato da Autosport “Credo che abbia grandissime aspettative: sicuramente pretende molto da se stesso e lavorerà senza sosta per migliorare e aumentare la propria conoscenza. Comunque non è demoralizzato, ecco. Assorbirà la frustrazione e sarà ancora più determinato ad imparare velocemente a guidare la vettura. Voglio dire, non è assolutamente colpa sua se sfortunatamente abbiamo bruciato i suoi brake ducts posteriori. C’è mancato poco che riuscissimo a sostituirli sulla griglia senza dover partire dalla pit lane e poi ha ricevuto una penalità, dopo la quale non ha più potuto fare granché. Ma lui non ha alcuna colpa”.

Szafnauer crede che Vettel stia semplicemente soffrendo, come tanti altri piloti, il cambio di team nel 2021: “Beh, se le filosofie delle due vetture sono completamente diverse ci vuole del tempo. Ho parlato anche con Checo, che è passato a una vettura molto differente dalla nostra come la Red Bull, e dice la stessa cosa: servono tanti giri per riuscire ad assimilare quei piccoli dettagli che permettono di estrarre il massimo del potenziale dalla macchina. Tutto qui, è molto semplice: più tempo si accumula in macchina, meglio andrà. A causa della penalità Sebastian non è mai stato in lotta per le posizioni che contano, ma dopo che ha messo le gomme da asciutto è andato davvero forte. Penso che si stia abituando alla vettura, e la situazione non potrà che migliorare”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: