La F1 utilizza coperte elettriche per preriscaldare le gomme prima di montarle sulle monoposto, ma poiché questo sport vorrebbe dirigersi verso un futuro più sostenibile, questa pratica dovrebbe essere vietata allo scopo di ridurre il consumo di energia, oltre ad abbassare i costi sui team che di conseguenza lasceranno andare attrezzature costose.

La decisione di vietare le termocoperte per pneumatici è stata applicata in più fasi, poiché i regolamenti hanno imposto una graduale riduzione delle temperature utilizzate fino a quando la pratica non sarà cessata nel 2024.

Nel 2021 la temperatura massima delle termocoperte è stata ridotta a soli 100°C all’anteriore e 80°C al posteriore. Attualmente sono consentite solo temperature di 70°C per tutte le slick mentre il numero di coperte è stato ridotto da 40 a 20.

Questo piano graduale per rimuovere la pratica delle coperte per pneumatici non è casuale, poiché il Direttore Motorsport di Pirelli Mario Isola ha spiegato ad Auto Motor und Sport i motivi per cui è stata adottata una tale strategia.

“Se vuoi guidare senza coperte elettriche, devi progettare uno pneumatico completamente nuovo”, ha esordito.

“Non basta semplicemente costruire nuove mescole con un range di lavoro più ampio. Le vetture di Formula 1 sono così veloci e generano forze così grandi che la pressione aumenta da dieci a dodici PSI durante la guida. Questo cambia l’intero profilo e l’area di contatto della gomma”, ha sottolineato Isola.

Su questo aspetto la Formula 2 è già avanti, avendo già bandito l’uso delle termocoperte, ma tuttavia Isola afferma che questo non può paragonarsi alla Formula 1 e a tutte le serie di alimentazioni ad essa collegate. L’aumento della pressione da quando le gomme sono imbullonate alle auto e una volta caricate dalla guida è maggiore in F1.

Quando Pirelli ha testato i suoi nuovi pneumatici ribassati da 18″ per il 2022, le simulazioni sono state eseguite utilizzando temperature della termocoperta degli pneumatici più basse, poiché il 2023 vedrà un ulteriore calo delle temperature a 50°C, prima del divieto totale del 2024.

Queste simulazioni sono il motivo per cui le gomme di quest’anno non hanno causato grossi problemi secondo l’italiano.

“Il prossimo anno le temperature delle termocoperte continueranno a scendere, a soli 50°C davanti e dietro”, ha affermato Isola. “Questo aumenta anche le differenze di pressione all’interno degli stint. Facciamo deliberatamente solo piccoli passi in modo che nulla vada storto e lo spettacolo ne risenta. Le gomme funzionano molto bene quest’anno. Ovviamente, dovrebbe rimanere così anche se eliminiamo del tutto le coperte elettriche”, ha insistito.

Isola è felice che le sessioni delle FP2 saranno prolungate di 30 minuti per consentire il test dei prototipi di pneumatici, poiché la F1 prevede di provare il nuovo formato ad Austin quest’anno.

Con diverse vetture in F1 con prestazioni diverse, Isola consiglia a tutti i team di partecipare ai test sugli pneumatici in modo che Pirelli possa capire come si comportano gli pneumatici con diversi livelli di carico aerodinamico.

“Le macchine veloci mettono le gomme sotto pressione”, ha detto. “Dobbiamo assicurarci che il processo di riscaldamento funzioni anche con le auto più lente. E che le gomme non si surriscaldino nelle squadre veloci. È qui che dobbiamo trovare un buon compromesso in modo che le gomme funzionino con tutte e dieci le vetture, tutti i 20 piloti e su tutte le piste. Non sarà così facile“, ha concluso Mario Isola.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: