Il team ha iniziato a lavorare sulla nuova divisione Red Bull Powertrains lo scorso anno. Ha già utilizzato il suo primo prototipo di motore V6 per la nuova formula di F1 che sarà introdotta nel 2026.

Il capo del team Christian Horner afferma che l’enorme costo che riguarda il costruire il proprio motore sarà sempre più compensato dai risparmi che possono essere realizzati dopo l’introduzione del limite di budget lo scorso anno.

“Ovviamente al momento abbiamo l’onere dei costi delle unità di potenza esistenti più lo sviluppo”, ha riconosciuto. “Ma quando arriveremo al 2026, il limite di budget sarà completamente entrato in vigore e i costi diventeranno molto più sopportabili rispetto a due o tre anni fa. Quindi il limite ai costi è stato di nuovo fondamentale per diventare un nuovo concorrente”.

Il piano iniziale prevede che la Red Bull fornisca motori alla propria squadra e all’AlphaTauri.

Ma ci sarà il potenziale per acquisire più clienti, ha affermato Horner.

“Abbiamo la capacità all’interno della struttura di produrre motori fino a quattro squadre. Ma quello non sarà certo l’obiettivo iniziale che sarà ovviamente prima quello di rifornire i due team di proprietà della Red Bull”.

Mercedes attualmente fornisce motori a quattro team, il proprio e a tre clienti, ma all’inizio di quest’anno ha indicato di avere in programma di ridimensionare. Ciò lascerà McLaren, Williams o Aston Martin alla ricerca di un nuovo fornitore.

La Ferrari fornisce già motori alla propria squadra più Alfa Romeo e Haas, mentre Alpine è l’unico utente dei motori Renault. La Red Bull attualmente utilizza propulsori sviluppati da Honda, che si è ufficialmente ritirata alla fine della scorsa stagione, ma continua a fornire supporto fino alla fine del 2025 attraverso Honda Racing Corporation.

Mentre le discussioni della Red Bull con Porsche su un potenziale legame non hanno avuto successo, le voci ora suggeriscono che la Honda stia considerando un rapido ritorno in F1.

Sebbene Horner abbia affermato che i piani della Red Bull sono stabiliti indipendentemente dai piani degli altri, è aperto a una potenziale riunione con la Honda.

Inoltre ha riconosciuto che è una mossa ambiziosa per la Red Bull progettare il proprio motore.

“Non è un’impresa da poco, alcune persone dicono che siamo completamente pazzi ad affrontare Ferrari, Mercedes e Renault e potenzialmente anche Honda partendo da zero. Ma questo è esattamente il modo Red Bull per raggiungere l’impossibile. Con la qualità delle persone che siamo riusciti a reclutare, con sede nel Regno Unito, non c’è stato un investimento nel Regno Unito come questo in una struttura di motori probabilmente negli ultimi 40 anni. Questo ci ha permesso di attirare alcuni talenti fenomenali che stiamo ancora reclutando attivamente. Penso che ci dia una posizione unica oltre alla Ferrari per avere tutto sotto lo stesso tetto con le sinergie che crea”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: