Il boss della Red Bull Christian Horner afferma che l’offerta del direttore di gara della Formula 1 Michael Masi di cambiare le posizioni in griglia nel Gran Premio dell’Arabia Saudita era simile ad uno scambio al mercato.

In vista del secondo riavvio della bandiera rossa sul circuito di Jeddah domenica, Masi ha parlato con il direttore sportivo della Red Bull Jonathan Wheatley e ha chiesto alla squadra se volesse dare la posizione. Questo perché Verstappen aveva ripreso il comando su Lewis Hamilton dopo la prima ripartenza uscendo di pista all’esterno e guadagnando un vantaggio ingiusto e duraturo poco prima che la gara venisse interrotta.

Masi ha presentato un’offerta a Wheatley per restituire effettivamente il posto a Hamilton sulla griglia. Oppure rischiare che gli steward in seguito potessero infliggere all’olandese una chiara penalità.

La conversazione tra Masi e Wheatley è stata trasmessa dalla televisione internazionale ed è stata una sorpresa tanto per le squadre quanto per i tifosi.

Alla domanda sulla sua reazione a quel momento, Horner ha detto: “Era un po’ come essere in fondo al mercato, il che era insolito. Non l’ho mai visto prima”. Non è stata solo la Red Bull a essere sorpresa dall’offerta, con il direttore esecutivo di Alpine Marcin Budkowski, il cui pilota Esteban Ocon alla fine ha beneficiato della chiamata partendo dalla pole, trovando anche la situazione insolita.

“C’è stata questa discussione piuttosto surreale tra Michael e Jonathan, che era come essere al mercato locale con un po’ di scambio per posizione contro penalità”, ha detto ad Autosport.

“Ci siamo trovati in pole, ma era insolito e stavamo discutendo durante la gara, immagino che succeda durante le gare, non necessariamente barattando, ma durante la gara avresti una discussione in cui ti viene consigliato di restituire una posizione . E se non lo fai, potrebbe andare agli steward e potresti ricevere una penalità. Immagino che non sia troppo dissimile, ma è stato abbastanza eccitante averlo durante la bandiera rossa – e un po’ surreale. Era una situazione nuova anche per noi”, ha detto. “Abbiamo perso la posizione con questa manovra davvero molto difficile alla curva 1 e 2. Poi, hanno detto, dobbiamo cambiare posizione, quindi hai effettivamente la posizione in pista. Poi c’è una ripartenza e ovviamente non è di grande aiuto se la perdi di nuovo subito. Dobbiamo guardare a quello. Penso che Michael Masi sia impegnato in gara con detriti e cadute. Ma dall’esterno, possiamo certamente imparare”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: