Andrew Shovlin analizza il lavoro svolto dal team Mercedes ai test di F1 Sakhir

La Mercedes W13 si è presentata nella seconda tre giorni di test, quelli svolti sul circuito di Sakhir, con un nuovo “vestito”. Subito hanno colpito le pance ancora più snelle, come le prese dell’aria verticali, le branchie e quel profilo alare che sorregge gli specchietti. Questa versione è arrivata a pochi giorni di distanza dai primi test svolti a Barcellona. I tempi visti in Bahrain sappiamo che contano fino ad un certo punto ma dalle parole dei piloti emerge un po’ di preoccupazione per la prima fase del campionato, soprattutto nei confronti delle dirette rivali Ferrari e RedBull.

Gli ingegneri della scuderia tedesca con sede a Brackley si sono spinti molto sull’innovazione ma, di fatto, hanno anche dimezzato il tempo a disposizione per scoprire al meglio la nuova monoposto: “Rispetto a Barcellona, ​​qui è più difficile trovare il giusto setup della vettura”. L’analisi di Andrew Shovlin, direttore tecnico di F1 Mercedes AMG, riportata dal canale ufficiale del team. “C’è sicuramente altro da fare per trovare il giusto equilibrio tra curve lente e ad alta velocità, e c’è anche un po’ troppo surriscaldamento delle gomme. Abbiamo faticato a fare i primi giri con le gomme più dure, ma con quelle più morbide la prestazione arriva più facilmente”.

Oltre a conoscere le gomme il team ha dovuto affrontare W. Un fenomeno che ha riguardato tutti i team ma che è parso più vistoso sui caschi di Lewis Hamilton e George Russell: “Stiamo esplorando una serie di opzioni di configurazione per cercare di migliorare il rimbalzo”, continua l’ingegnere britannico. “Abbiamo alcune indicazioni che sono in grado di migliorarlo, ma trovare il giusto equilibrio tra rimbalzo e prestazioni è chiaramente la sfida. Si può attenuare con l’aerodinamica, ma anche dal punto di vista della guida. E’ comunque positivo aver visto progressi nell’ultima giornata”.

Tra i punti di forza ci sono sicuramente l’affidabilità, il telaio e il propulsore che hanno funzionato senza intoppi a testimonianza dell’ottimo lavoro svolto a Brackley e Brixworth. Dopo gli ultimi test la Mercedes sembra quella più in difficoltà tra i top team ma chi avrà maggiormente giocato a nascondino in questo primo assaggio di Formula 1? Ancora poco, una manciata di giorni, e vedremo la vera forza che tutti metteranno in pista per conquistare la pole position e la prima vittoria.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: