F1 Mercedes e RedBull chiedono il chiarimento delle aree grigie della power unit, prima dell’inizio del mondiale.

Il mondiale di Formula 1 non è ancora iniziato, ma già sono richiesti dei chiarimenti per quanto riguarda il regolamento tecnico. Ancora una volta si torna a parlare di Power Unit con Red Bull e Mercedes che chiedono chiarezza su alcuni punti. La notizia è stata diffusa dal giornale tedesco Auto Motor und Sport. I punti su cui chiedono spiegazione sono quattro e non due come ipotizzato alcuni giorni fa da altri giornali esteri. In particolare sono stati chiesti chiarimenti su delle aree grigie notate lo scorso anno. F1 Mercedes Red Bull

Un mese esatto prima dell’appuntamento del GP d’Austria, sono state inviate le quattro direttive a tutte e dieci le scuderie. La finalità è quella di evitare l’utilizzo di “trucchi” che sfruttano proprio le aree grigie del regolamento. Innanzitutto, le quattro direttive presentano una numerazione: la TD018/20 si riferisce all’erogazione di energia dall’ERS, la TD019/20 al consumo di olio dei motori, la TD020/20 al flussometro e ai sensori di pressione e temperatura delle power unit, la TD021/20 al consumo di carburante.

power-unit-2017

Come funziona la combustione di olio

In sintesi, le scuderie dovranno evitare che, per quanto riguarda il consumo di olio, non sarà concesso in alcun caso che l’olio che proviene dai sistemi di raffreddamento possa essere miscelato alla benzina per ottenere un aumento delle prestazioni. La domanda può nascere spontanea: com’è possibile mantenere le giuste proporzioni di olio che arriva nella camera di combustione? Di fatto succede che, quando il livello di olio nella coppa supera il massimo, quest’ultimo può essere aspirato ed alimentare il motore in modo incontrollato. Questo fenomeno si chiama auto alimentazione. Tutto questo provoca la rottura del motore stesso. Gestendo però, l’aspirazione è possibile aumentare la potenza del propulsore.

L’aspirazione di olio, però, può essere controllata proprio grazie alla presenza del turbo. Tramite il gruppo farfallato in posizione di quasi chiusura si va ad aumentare la depressione per consentire l’aspirazione dell’olio dal sistema di ricircolo. Con questa differenza di pressione, rispetto alla pressione dei motori turbo compressi, i quali condotti a valle presentano un’elevata pressione è possibile provocare lo spostamento di fluido. Andando a variare le differenze di pressione, è possibile influire anche sul quantitativo di olio aspirato. Altre restrizioni sono state esplicitate anche per quanto riguarda la portata di benzina che deve necessariamente essere sotto al limite sia in qualifica che in gara, senza possibilità di attuare “trucchi” volti ad aumentarla con l’auto in corsa.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: