La Ferrari è stata tra le scuderie che maggiormente è migliorata rispetto al 2020. A confermarlo è anche Charles Leclerc: “Gli aggiornamenti sono stati minimi ma giusti.”

Un’altra stagione di Formula 1 sta per terminare e i bilanci di fine anno sono già ben che arrivati. In casa Ferrari l’ottimismo è più che alto se si considerano i risultati arrivati lo scorso anno, i peggiori di tutta la carriera del Cavallino. Sul fronte power unit, soprattutto, la scuderia ha faticato tanto in pista arrivando non andando oltre il sesto posto nei costruttori. Quest’anno le cose sono “leggermente” diverse. La Ferrari infatti è in lotta per il terzo posto precedendo la McLaren di ben 39,5 punti a due GP dalla fine di questo Mondiale.

A confermare i miglioramenti della Sf21 rispetto alla SF1000 è Charles Leclerc

Il lavoro di squadra è tra i principali artefici dei miglioramenti prestazionali della scuderia.

Dal 2019 al 2020, ovviamente, c’è stato un passo indietro – ha detto il monegasco citato da Motorsport-Total – Ma poi dal 2020, fin dall’inizio, abbiamo lavorato molto, molto bene. Già dalla stagione 2020 poteva sentire che stavamo lavorando nella giusta direzione. Gli aggiornamenti sono stati minimi ma giusti. Questo è sempre un buon segno. Non c’è stata una svolta, ma è stato un miglioramento costante da inizio 2020 e la squadra ha risposto nel miglior modo possibile. Per due o tre gare, la nuova power unit ci ha dato un’altra spinta, che è stata enorme per la nostra caccia al terzo posto nel Campionato Costruttori”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: