Non si placano le voci che vedono Mattia Binotto lontano da Maranello. I media italiani continuano a ribadire che la sua posizione salterà a gennaio, prima del mondiale 2023, nonostante la Ferrari stessa abbia categoricamente smentito nella giornata di ieri con un comunicato ufficiale:

“In relazione alle speculazioni apparse su alcuni organi di stampa che riportavano la posizione del Team Principal della Scuderia, Mattia Binotto, la Ferrari comunica che si tratta di voci del tutto infondate”.

Il principale indiziato che dovrebbe prendere il suo posto è l’attuale team principal dell’Alfa Romeo, Frederic Vasseur. Così come nel calcio, quando le cose vanno male, il primo ad essere mandato a casa è l’allenatore.

Tuttavia questa mossa non rappresenta sempre la soluzione ai problemi.

Nessuno nel senior management (cioè al di sopra di Ferrari TP) sembra aver notato che il periodo di straordinario successo della Ferrari è arrivato proprio quando il personale del team senior è stato lasciato fare il proprio lavoro nonostante anni problematici.

Da quando quel sistema è stato abbandonato, anche i titoli mondiali hanno lasciatoPost-Enzo Ferrari (morto nel 1988) e pre-Jean Todt/Ross Brawn (che furono riuniti nel 1997) il team era gestito in modo simile a quello attuale, con mancati incidenti, successivi licenziamenti di massa e ulteriore crisi.

Todt e Brawn lo hanno stabilizzato, e la squadra è diventata quasi imbattibile per anni e anni.

La Ferrari ha bisogno di essere rafforzata a bordo pista e Binotto ha bisogno di ricevere un enorme voto di fiducia dall’alto pur riconoscendo che c’è ancora molto da fare.

Per prima cosa, ci deve essere una cultura della squadra che riconosca i suoi problemi e si occupi di loro come processo problematico e non personale.

Binotto un grande professionista, ma forse messo in un ruolo sbagliato

Binotto ha aiutato a sbarazzarsi della cultura della paura velenosa che pervadeva ai tempi di Arrivabene, ma non è stata ancora sostituita da una cultura in cui problemi specifici sono accettati da tutti e semplicemente trasformati nell’oblio senza che nessuno senta che la propria posizione è a rischio. Forse perché Mattia Binotto è anche stato messo in una posizione delicata, che necessita polso e senso di leadership.

Ecco come ottenere il meglio da un gruppo di persone creative e di talento per riconoscere la differenza tra un capo problematico e uno a cui non viene fornito il supporto di cui ha bisogno.

Ecco forse la chiave vincente di cui ha bisogno questo team: stabilità e fiducia.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: