Il direttore sportivo del Cavallino fa il punto sulla situazione e vede la Mercedes nettamente davanti

Il Gran Premio del Canada è ormai alle porte, con una situazione mondiale che è ormai ben definita. Con i successi in Spagna ed a Monaco, Lewis Hamilton si è preso un bel vantaggio su Valtteri Bottas, mentre la Ferrari di Sebastian Vettel accusa 55 punti di ritardo in classifica. La Mercedes è imbattibile, con una macchina che si adatta perfettamente ad ogni pista e che arriva anche a Montreal con tutti i favori del pronostico. Sui rettilinei del tracciato Gilles Villeneuve la rossa dovrebbe difendersi bene, sperando di essere più vicina alle frecce d’argento, che dal canto loro porteranno la nuova power unit dotata di un surplus di 20 cavalli circa.

Il direttore sportivo Laurent Mekies ha rilasciato un’intervista ad Auto Hebdo, facendo capire la reale differenza che c’è attualmente con la Mercedes: ”Parlando di prestazioni assolute, siamo indietro su tutti i fronti. Dobbiamo migliorare il nostro pacchetto aerodinamico, assieme al grip meccanico e allo sfruttamento delle gomme. Sono diverse dalla passata stagione e lo è anche l’unione con il corpo vettura. C’è un grosso margine di sviluppo ma siamo ancora in una fase di studio”.

”Abbiamo sofferto in Australia, mentre eravamo i migliori in Bahrain, leggermente indietro in Cina ed avevamo un buon potenziale a Baku. Siamo stati in crisi in Spagna ed a Monaco. Avremmo potuto portare a casa due gare, invece ne hanno vinte sei su sei. Davanti a noi c’è un team fortissimo come la Mercedes e per avere la meglio su di loro bisogna essere assolutamente perfetti”.

Mekies ha poi parlato del Canada, pista sulla carta favorevole alla Ferrari: ”Questa pista è simile a Bahrain ed Azerbaijan, dove eravamo i migliori. Dobbiamo comunque restare tranquilli perchè le cose cambiano velocemente come si è potuto vedere da inizio stagione in avanti”.