La casa motoristica di Tokyo ha annunciato che produrrà le Power Unit per un altro anno, prima di lasciare il lavoro al neo Red Bull Powertrains.

La Honda lascerà il mondiale F1 quest’anno. Almeno, così aveva annunciato la casa Giapponese.
Nel weekend di Turchia, che inizialmente era destinato a Suzuka, la Honda avrebbe avuto un grande annuncio da fare: come gestire tutto il processo di migrazione presso il Red Bull Powertrains team.

Nonostante l’annullamento del GP di casa, entrambi i team stanno sfruttando l’imminente weekend con attività promozionali: se da un lato Red Bull ha svelato una nuova livrea dedicata al team nipponico, la Honda a rivelato come si effettuerà la migrazione tra i due team.
Dal 2022 i due team motorizzati Honda non mostreranno più il logo aziendale, ciò nonostante il loro rapporto non si interromperà nel breve periodo. Infatti, l’anno prossimo sia Red Bull e sia Alpha Tauri, monteranno una evoluzione prodotta e assemblata proprio dai giapponesi, che si preoccuperanno della progettazione, dell’assemblaggio e della fornitura. Oltre a questa importante novità, le due casate collaboreranno per riuscire a portare più piloti Giapponesi nel circus della F1 attraverso interessanti strategie di marketing.

Il neo team Red Bull PowerTrains, invece, entrerà in vigore ufficialmente del 2023, quando il team austriaco si prenderà la responsabilità di tutte le fasi che concernono la produzione del motore. Dall’assemblaggio alla produzione, nonché la fondamentale manutenzione della Power Unit, potendo già contare sul trasferimento dei dipendenti Honda al neonato Team motoristico.

Le parole di Honda e di Red Bull

“Sono lieto di aver raggiunto un accordo con il Gruppo Red Bull, che avrà tutti i diritti sulla proprietà intellettuale delle nostre power unit in F1.”, ha dichiarato Koji Watanabe del team Honda.

“Honda può ancora contribuire al successo nelle corse automobilistiche. Ora stiamo lavorando per rafforzare la struttura di HRC, in modo che possa garantire che i nostri fan possano continuare a godere del ruolo di Honda in tutti i tipi di sport motoristici”. ha concluso Watanabe.

Christian Horner, team principal Red Bull, afferma: ” La collaborazione di Red Bull con Honda ha avuto un enorme successo, nessuno di noi desidera che ci sia la fine della storia”.

“Siamo felici che il nostro progetto possa essere fortemente supportato da Honda nel 2022, tecnicamente e operativamente, e ciò contribuirà a garantire che la transizione di Red Bull da semplice produttore di telai a Costruttori di motori”.

“Altrettanto entusiasmante è la notizia che la nostra collaborazione con Honda si estenderà a una serie di altre attività motoristiche, dalla crescita dei piloti ad altre discipline da corsa e persino al più ampio mondo sportivo. Un tratto del viaggio della Honda in Formula 1 sta volgendo al termine, ma insieme stiamo intraprendendo un nuovo e affascinante percorso”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: