Christian Horner afferma che il desiderio della Red Bull di essere un produttore indipendente di unità di potenza rimane immutato, anche se la Honda sembra cercare un ritorno in F1 nel 2026.

Avendo iniziato a fornire motori alla Red Bull nel 2019, Honda è ufficialmente uscita dallo sport alla fine del 2021 per concentrarsi sull’elettrificazione, ma ha accettato di continuare a fornire assistenza tecnica al reparto Red Bull Powertrains, con le attuali unità di potenza guidate dalla Red Bull e AlphaTauri.

La Red Bull ha vinto sia il titolo Piloti che quello Costruttori in modo dominante nel 2022 e, grazie al successo della partnership, l’accordo tecnico iniziale tra Red Bull Powertrains e Honda – che aveva previsto il supporto fino alla fine del 2023 – è stato prorogato fino la fine del 2025 durante l’estate.

Tuttavia, nonostante l’apparente volontà della Honda di tornare in F1 nel prossimo futuro, Horner ha affermato che la Red Bull continuerà con i suoi piani per produrre le proprie unità di potenza presso la base del team di Milton Keynes, citando l’investimento già fatto e il desiderio di avere telai e reparti motore che lavorano fianco a fianco.

“Honda ha ovviamente preso l’impegno per il 2025, il che è fantastico”, ha detto Horner a RacingNews365.com. “Abbiamo esplorato le possibilità oltre il 2025, ma la realtà è che tutto deve essere sotto lo stesso tetto. Abbiamo fatto l’investimento, ci siamo impegnati all’interno di Red Bull Powertrains e abbiamo reclutato gli specialisti. Il nostro viaggio come produttore di propulsori e impianto di motori indipendente è invariato dalla possibilità di Honda di tornare nello sport nel 2026. Abbiamo impostato il nostro percorso, abbiamo preso l’impegno e, a lungo termine, questa è assolutamente la decisione giusta, perché ci dà il controllo del nostro destino”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: