F1 Anteprima Pirelli GP del Brasile

MARIO ISOLA – RESPONSABILE PIRELLI F1

“Da questa gara non ci aspettiamo particolari novità: rispetto a quelle dello scorso anno,
le tre mescole portate qui sono più morbide di uno step. I pneumatici White medium e
Yellow soft del 2018 si possono infatti paragonare a soft e supersoft 2017, le due
mescole usate nella strategia vincente dello scorso anno. Di conseguenza, il P Zero Red
supersoft di quest’anno è equivalente al Purple ultrasoft 2017, mai utilizzato in Brasile.
Quindi, la supersoft che useremo quest’anno è in realtà al debutto come grado di
morbidezza. Il traffico in pista e i sorpassi fuori traiettoria sono due aspetti molto
importanti da gestire a Interlagos. Anche il degrado è un fattore da tenere in
considerazione, dati i carichi ai quali sono sottoposti i pneumatici nelle curve veloci, oltre
alle possibili temperature molto elevate, anche se non ci aspettiamo livelli di degrado dei
pneumatici particolarmente elevati in condizioni normali.

PASSIONE, POTENZA E P ZERO A INTERLAGOS

Per l’ultima volta in questa stagione verranno utilizzati i P
Zero White medium e Yellow soft, nominati per il Gran Premio del Brasile insieme ai Red
supersoft. Questa gara, che si disputa vicino al centro di San Paolo, è famosa per
essere imprevedibile, sia per le condizioni meteo che per l’azione in pista. Il Brasile è
uno dei principali mercati per Pirelli, con tre grandi stabilimenti produttivi che forniscono
pneumatici per circa la metà del parco auto circolante nel Paese.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

IL CIRCUITO 

La nomination è la stessa dello scorso anno, ma le tre mescole sono tutte di uno step più
morbide rispetto alle corrispettive del 2017.

Interlagos presenta il terzo giro più corto dell’anno (dopo Monaco e Città del Messico), pari a
4.309 metri: qui le monoposto curvano quasi di continuo e i pneumatici lavorano
costantemente.

Dal punto di vista delle condizioni meteo, può succedere di tutto: in passato si sono
registrate temperature asfalto tra le più elevate, così come ha diluviato.

Il pneumatico posteriore destro è quello maggiormente sollecitato su questo tracciato che si
percorre in senso antiorario. Le tre mescole nominate devono infatti far fronte a curve veloci
e a carichi provenienti da diverse direzioni.

Nel 2017, Max Verstappen ha vinto con una strategia a una sosta supersoft-soft, mentre altri
piloti hanno scelto tattiche sui due pit stop. Quest’anno i Team punteranno probabilmente a
una sola sosta.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.