E’ ciò che ha capito The Race. L’organizzazione Andretti era desiderosa di trovare un modo per entrare in F1 e di conseguenza stava perseguendo l’acquisizione della società di controllo della Sauber e del team Alfa Romeo F1.

Andretti ha avuto la possibilità di acquistare una quota di maggioranza di Islero Investments, ampiamente stimata essere l’80%. Un accordo sembrava possibile poiché il proprietario della Sauber, che è apparentemente il miliardario svedese Finn Rausing, sembrava aver nominato un prezzo che Andretti era disposto a soddisfare.

Tuttavia, la parte di Andretti riteneva che l’accordo fosse più avanzato della Sauber, e le prime grandi indicazioni di qualcosa che sarebbe stato potenzialmente concordato sono emerse negli Stati Uniti. Alcuni nel paddock di F1 hanno persino portato a suggerire che non fosse solo una formalità ma un vero e proprio affare già concluso con successo.

Come riportato da The Race lo scorso fine settimana, tuttavia, le possibilità di un accordo non erano così alte come si pensava in precedenza.

Sembrerebbe che una volta che le trattative fossero arrivate nella fase più importante, il vero prezzo della Sauber non sia stato quello che Andretti era disposto a soddisfare. Auto Motor und Sport ha riferito che Rausing voleva una quota per la squadra che Andretti sembrava disposto a pagare, ma anche un $50 milioni all’anno di garanzia per la squadra per cinque anni – pagata in anticipo.

Il rinnovato accordo commerciale dell’Alfa Romeo e i nuovi finanziamenti erano destinati ad aumentare il budget corrente della squadra nel 2022, quindi questa garanzia proteggerebbe efficacemente la Sauber in caso di pericolo.

Ciò sembra aver messo un prezzo al team che Andretti non piace. Addirittura più fonti hanno ora indicato a The Race che non ci sarà un accordo. Lo scorso fine settimana, a Frederic Vasseur, CEO della Sauber e team principal dell’Alfa F1, è stato chiesto un aggiornamento sull’accordo Andretti e ha risposto: “Non ho assolutamente alcun commento da fare. Non è affar mio. Non sono coinvolto in questo tipo di discussione e non abbiamo assolutamente commenti da fare, come abbiamo fatto in passato”.

Ha aggiunto: “Sono concentrato sulla gestione della squadra”.

Attualmente anche la gestione della squadra pare non avere un equilibrio. Dopo la conferma di Valtteri Bottas per il prossimo anno, il sedile che dovrebbe affiancarlo rimane ancora ignoto. Il pilota di Formula 2 Guanyu Zhou era stato considerato il favorito per qualche tempo.

“Sicuramente la proprietà potrebbe essere legata ad alcune scelte ed è una scelta cruciale per la squadra”, ha ammesso Vasseur. “E non puoi immaginare di possedere un’azienda e non far parte della discussione. Ma ancora una volta, non ho commenti da fare su questo.” Con la proprietà della squadra destinata a rimanere invariata, Vasseur dovrebbe essere libero di cementare una formazione guidata dalla Sauber. È probabile che ciò significhi Bottas e Zhou con il ben supportato pilota cinese potenzialmente solo con un contratto di un anno.

Il leader del campionato di Formula 2 Oscar Piastri è considerato un contendente esterno per battere Zhou in quanto non ha lo stesso livello di finanziamento. Di conseguenza l’attuale pilota dell’Alfa Antonio Giovinazzi non dovrebbe mantenere il suo posto.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: