SPUNTI TECNICI DI BAKU

La gara a Baku ha restituito molti suggerimenti riguardo alle reali prestazioni delle macchine e cercherei di sviscerare qualcosa qui per avere un quadro migliore della situazione per la continuazione della stagione.

clicca qui

REDBULL

La RedBull, intanto.

La macchina è buona e lo ha dimostrato nonostante Verstappen perché, anche se la pista era molto difficile, aveva entrambi i piloti in una posizione tale da afferrare la vittoria. Questo significa che entrambi erano dotati di una buona aerodinamica e, soprattutto, confermando quello che diciamo da tempo, la RedBull è un’auto capace di tanta deportanza dal corpo vettura. Questo la rende più efficiente rispetto alle altre.

Il weekend azero, per loro, è stato tutt’altro che negativo e lo capiamo da Bottas e Hamilton. Con entrambi i piloti Mercedes fuori dai punti, il team austriaco conquista la testa di costruttori e piloti. nella casa del toro potrebbero festeggiare visto il dominio degli scorsi anni da parte dei tedeschi. La macchina diventa quindi la prima candidata per:

  • motore: nonostante l’alto carico al posteriore, si difendeva egregiamente sul lungo rettilineo.
  • bilanciamento: il tratto guidato era ostico e difficile e soprattutto a bassa velocità. Senza alto carico disponibile, se la vettura non funziona correttamente, non c’è speranza ( e questo lo vedremo nel caso di Mercedes).

MERCEDES A BAKU

come detto, entrambi i piloti sono fuori dalla zona punti a Baku, ma non mi concentrerei su Hamilton, che è sempre abilissimo e decisamente più efficace di Bottas. Mi concentrerei molto di più sul finlandese. dopo 6 gare, rispetto al 2020 ha la metà dei punti collezionati nella scorsa stagione e questo significa che ci sono difficoltà pesanti. A pensarla dal punto di vista tecnico, sembra che lo stravolgimento delle regole 2021 possa aver portato tanti danni per lo stile di guida di Valteri. Non riesce proprio a ritrovarsi nella macchina e, comunque, neanche Hamilton è cosi efficace come lo scorso campionato.

clicca qui

La macchina deve ancora aver qualcosa da recuperare e fatica molto nel tratto guidato. Se si guarda bene, infatti, quando Leclerc cercava di recuperare su Hamilton, riusciva a scendere sempre sotto il secondo lungo il tratto tortuoso, per perdere poi nella parte finale. La tedesca risulterebbe quindi ancora da bilanciare completamente.

FERRARI

Era la più scarica del gruppo come ala posteriore. hanno provato ad ottenere il massimo, ma sapevano di doverlo fare con un motore più debole degli altri. il punto di Baku più pericoloso è infatti il rettilineo e non hanno potuto far altro che giocare in difesa riducendo la deportanza. Questo andava bene in qualifica perché, con bassissimi carichi di benzina e gomme freschissime, poteva pure essere un vantaggio. Appena sono arrivati gli 80 kg di carburante e le gomme hanno perso lo strato aderente inziale, Leclerc ha subito perso posizioni.  La macchina, in tal senso paga ancora la bassa cavalleria.

Peccato perché, in realtà, con bassissimo carico al posteriore, si difendeva anche bene sui tratti guidati. Segno questo di una bilanciamento buono.

Come anticipato, con Baku, si conferma come terza forza del mondiale e, effettivamente, rimanendo davanti alle McLaren, conquista la terza posizione in campionato.

Il suo weekend, attenzione a questo, è tutt’altro che negativo e conferma una crescita che sta avviandosi nella direzione corretta.

Andiamo verso il gp del Canada con ottimi spunti e dei buoni punti di vista per capire cosa potrebbe accadere. Rimanete quindi in linea per nuovi aggiornamenti.

A presto, da Alberto Aimar.

A proposito dell'autore

Laureato in ingegneria magistrale aerospaziale, opero nel campo dell'ingegneria per l'automobilismo da tempo, sono giornalista sportivo da 3 anni, e sono appassionato di tecnica e aerodinamica! contattami per qualsiasi richiesta o parere per condividere assieme il nostro interesse verso le competizioni motoristiche!

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: