Jacques Villenueve analizza il momento della stagione con il suo solito stile pungente e diretto. L’ultima vittoria Mercedes a Marina Bay ha inginocchiato la Ferrari ma non ancora chiuso il campionato di F1 2018.
Villenueve ha esordito ai microfoni di Sky Sport affermando: “È una pesante sconfitta, ma in Ferrari devono sempre continuare a crederci“.

“L’errore che ha fatto la Ferrari è stato il voler essere arroganti nella scelta delle gomme per la gara – ha puntualizzato il campione del mondo F1 1997 – optando per un solo paio di soft per il weekend, che non erano in grado di utilizzare”.

Il momento clou del Gp di Singapore rimane il tentativo mal riuscito di undercut di Sebastian Vettel sul leader Lewis Hamilton.
La chiamata al pit di Vettel è stato il loro errore più grande – ha dichiarato Villenueve – perché (Vettel), dopo, ha perso tre secondi dietro Perez, quando Verstappen era sul suo giro”.
La mescola ultrasoft montata nel pit stop dal team Ferrari sulla monoposto n.5 avrebbe dovuto garantire un boost prestazionale nei primi giri per il tedesco ma il timing non è stato dei migliori. Sebastian Vettel nel tortuoso tracciato cittadino di Marina Bay ha perso, infatti, quasi 4 secondi in una sola tornata alle spalle della Force India di Sergio Perez.

La scelta limitata dei quantitativi di gomme soft da parte della scuderia di Maranello è avvenuta nella piena consapevolezza di una precisa durata di performance delle mescole Pirelli.
Giancarlo Minardi, fondatore del omonimo team di F1, dall’alto della sua esperienza ha rilasciato dichiarazioni allarmanti.

“La corsa ha messo in evidenza un problema non di poco conto legato alle prestazioni di queste gomme e sarebbe bello avere una spiegazione da parte della Pirelli – ha annunciato l’imprenditore italiano – trovo inammissibile avere tempi sul giro in gara più lenti di 6-7 secondi rispetto alla qualifica. Si è corso a ritmo di una gara endurance col miglior crono segnato addirittura da Fernando Alonso. Mi piacerebbe ricevere alcune delucidazioni”.

La richiesta di spiegazioni alla Pirelli

Le parole di Giancarlo Minardi rivelano il misterioso silenzio della Pirelli sulle prestazioni delle gomme.
L’incognita delle mescole e la continua variabilità di performance amplificano la voce critica del Paddock che si riaccende con cadenza regolare.

Prima della pausa estiva, Lewis Hamilton ha capitalizzato al meglio gli errori commessi dal rivale Vettel e dalla Ferrari. La Mercedes W09 ha repentinamente superato tutti i famosi problemi di blistering che avevano portato all’introduzione delle mescole Pirelli con battistrada ribassato di 0,4 millimetri.
Di conseguenza, Hamilton ha vinto quattro delle ultime cinque gare e oggi guida il campionato con un margine di 40 punti con solo sei gare da disputare.

Il prossimo Gp di Sochi sarà veramente l’ultima chiamata per la Ferrari nella rincorsa al titolo. In Russia il team italiano dovrà limitare gli errori e cercare di migliorare le qualifiche. “Hanno scommesso tutto sulle qualifiche, un errore grossolano che non si può fare quando si combatte per il campionato del mondo“, ha concluso Villenueve in merito all’appuntamento di Marina Bay.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: