Il pilota russo è stato appiedato dal suo team Haas alla vigilia della nuova stagione di Formula 1 a seguito dell’invasione russa ai danni dell’Ucraina.

Haas ha ritenuto insostenibile continuare con lui e i suoi sostenitori, quindi ha anche concluso il suo accordo di sponsorizzazione del titolo con la società Uralkali gestita dal padre di Mazepin, Dmitry. Immediatamente dopo la divisione della sponsorizzazione, Uralkali ha chiesto alla Haas di restituire i pagamenti per la stagione 2022 che aveva effettuato in anticipo poiché l’accordo non sarebbe continuato.

Tuttavia, Haas ha risposto e chiarito che non rimborserà i 13 milioni di dollari, e inoltre ha chiesto un risarcimento di 8,6 milioni di dollari in più per la perdita di profitti. La rottura dei rapporti con Haas rende improbabile una riunione in futuro, ma ciò non ha impedito a Mazepin di sperare che possa trovare una via per tornare in F1.

Ma prima di questo, il pilota russo ritiene che sia necessario porre domande su come le squadre possono comportarsi.

“Ognuno ha il diritto di parlare o non parlare e la FIA, il più alto organo di governo, mi ha permesso di competere fintanto che sono neutrale”, ha detto. “Ma direi che il problema più grande qui è tornare allo sport in cui le squadre possono trattenere i soldi delle sponsorizzazioni senza rispettare il contratto.

E anche chiedere di più, anche se dicono di non volere soldi dalla Russia. Quindi non ne sono sicuro, ma dopo questo i valori sportivi devono essere valutati per me”.

Mazepin sente di avere tanto dare in F1, con la sua stagione da rookie nel 2021 in coincidenza con Haas alle prese con un’auto non competitiva.

Alla domanda sulle sue prospettive di trovare un posto in un Gran Premio in futuro, Mazepin ha detto:

“È difficile dirlo in questo momento, perché sono molto cauto sul fatto che il mio problema è che ho perso il lavoro. Ho cercato di arrivare in F1 per 17 anni e poi alla fine ci sono arrivato. Ma è un problema molto minore se si confronta con le grandi cose che stanno accadendo nel mondo in questo momento. Certo, mi piacerebbe tornare a fare sport. Sento di avere un sacco di affari in sospeso lì. Ma devo aspettare che le cose si raffreddino.”

Sebbene Mazepin sia stato riluttante a commentare le sue opinioni sull’invasione russa dell’Ucraina, ammette che la situazione sia “dolorosa”.

“La mia opinione è che, qualunque cosa stia succedendo in questo momento, e posso vedere solo una piccola parte da dove mi trovo a Mosca, è molto doloroso”, ha spiegato. “E sicuramente lo sento. Vivo da 23 anni e vivevo in un mondo molto calmo.

Ma per quanto riguarda la mia posizione ufficiale, ho detto molte volte che per me è molto importante essere neutrale, perché sono un atleta. E sento che è importante essere in grado di essere neutrali. Anche per questo, ho creato una base che aiuterà gli atleti a rimanere neutrali in linea di principio”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: