Oltre al rinnovo del contratto di Nico Rosberg con la Mercedes (notizia giunta questa mattina e di cui si attendeva solo l’ufficialità), le notizie che finora circolano nel paddock del Gran Premio d’Ungheria sono le speculazioni sul futuro del management della Ferrari e le novità che riguardano le regole tecniche sulle comunicazioni radio ed i sensori per punire i fuori pista. Le prime in verità inconcludenti tanto quanto le seconde. Se infatti le speculazioni su contatti più o meno presunti tra la Ferrari e Ross Brawn per un clamoroso ritorno in rosso sono state smentite con fermezza da Alberto Antonini, le ipotesi e i rumors su possibili o presunti avvicendamenti tra i responsabili dell’area tecnica della Ferrari non si fermano. Se davvero James Allison fosse in procinto di abbandonare la squadra a fine anno (nessuna conferma ufficiale ma voci insistenti) non è chiaro chi verrebbe a sostituirlo a capo del progetto per la macchina del 2017.

Novità tecniche presentate anche in fatto di normative tecniche. La regola che viete i team radio è stata infatti cambiata e modificata, e resa se possibile ancora più complicata della precedente. Prevede che un pilota si fermi ai box per attuare la procedura illegale comunicatagli dagli ingegneri. Roba cervellotica e regola di fatto inapplicabile. Le seconda novità sono i sensori che la FIA ha posizionato in alcune delle curve del circuito e che permetteranno ai commissari di determinare se una vettura si avvantaggia troppo uscendo dalla pista sulle vie di fuga in asfalto. Innovazione recepita in verità in maniera tiepida dai piloti, con Vettel addirittura molto critico, che ha commentato “se si va fuori pista per andare più veloce vuol dire che è la pista ad essere sbagliata”. Ragionamento legittimo, ma i limiti si rispettano.

Oggi giornata di prove libere.

FP1 in mattinata iniziata con pista umida a causa di pioggia caduta ieri in serata. Piloti usciti con le intermedie e qualche errore causato dall’asfalto viscido. Anche Vettel è incappato in un testacoda, rimediando peraltro un terzo posto con un distacco pesante della Mercedes che ha dominato la sessione.

Classifica FP1

 

Nella FP2 testacoda più incidente per Hamilton che sbatte contro le barriere in maniera non molto violenta e riparte per guadagnare i box, ma la sessione dura solo 4 giri per lui. Secondo il pilota l’incidente è da attribuire al nuovo asfalto e ai cordoli modificati. Problemi tecnici per Sainz e Vettel che ha lamentato problemi al cambio, che come sappiamo ha dato problemi alla squadra nelle ultime gare. Pare sia pronta inoltre una nuova versione di questa componente che è stata rinforzata e che verrà probabilmente montata quanto prima.

I risultati finali della sessione vedono Rosberg davanti a Ricciardo, Vettel, Verstappen e Hamilton.

di Stefano De Nicolo’

Classifica  #FP2


Formula 1 Paddock News GP UNGHERIA VENERDI’ di graftechweb

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: