Nella giornata odierna Alfa Sauber ha annunciato l’ingaggio di Antonio Giovinazzi al posto di Marcus Ericsson per il 2019. Sfatato il tabù piloti italiani in f1?

Era nell’aria da diverso tempo, sopratutto dopo che la Ferrari aveva ufficializzato l’ingaggio di Charles Leclerc in Ferrari. Con il monegasco che siederà sulla monoposto del Cavallino nel 2019, il posto occupato in Alfa Sauber accanto a Kimi Raikkonen l’anno prossimo aveva alte probabilità di poter essere preso da Antonio Giovinazzi.

Se fino a ieri tutto sembrava solo una mera speranza, oggi è arrivata la tanto attesa ufficialità di Antonio al volante della Alfa Sauber, ritrovandosi come compagno Kimi Raikkonen, dal quale avrà sicuramente la possibilità di imparare ma sopratutto di confrontarsi immediatamente con il campione del mondo 2007.

Dopo 8 anni,quello del giovane driver di Martina Franca è un tabù che finalmente viene sfatato, visto che finalmente dopo anni e anni avremo nuovamente un pilota italiano sulla griglia di partenza dall’anno prossimo.

La promozione di Giovinazzi non spezza solo un tabù durato troppi anni, ma dà la possibilità al pilota pugliese di poter finalmente mettere in luce le sue abilità non in saltuarie sessioni di test, ma in un intera stagione. 

La scelta di portare Giovinazzi in Sauber era partita in primis da Sergio Marchionne, il quale dopo aver pianificato la promozione in Ferrari di Leclerc, voleva dare una possibilità anche al driver italiano di dare una svolta alla sua carriera e salire a tempo pieno su una monoposto di F1.

In un epoca in cui i piloti paganti la fanno da padrone, dove potenziali buoni piloti vengono scartati per far spazio a piloti con la valigia pronti a farsi carico delle spese di un team, l’ingresso un pilota italiano “sponsorizzato” dalla Ferrari si estranea dalla formula “piloti paganti” ma sopratutto mette in risalto la voglia di mettere in gioco i giovani piloti cresciuti nell’orbita Ferrari.

Le prime parole da pilota ufficiale 2019 per il team Alfa Sauber le ha scritte lo stesso Antonio sui suoi profili social di Twitter e Instagram

“Quando da bambino mi chiedevano cosa volessi fare da grande la mia risposta era: il pilota di F1 .
Oggi quello che sognavo da bambino si realizza e dal prossimo anno avró l’onore di essere pilota del team Alfa Sauber.

“Mi aspetta una nuova sfida da affrontare con impegno, passione e sacrificio, perchè qualunque obiettivo si puó realizzare quando sei disposto a dare tutto il tuo impegno e le tue energie. Io lo faró. Lo faró per tutte le persone che credono in me. Melbourne ci aspetta ! 

Che dire? In bocca al lupo Antonio !!

Giuly Bellani 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: