La Formula 1 potrebbe iniziare la stagione dietro porte chiuse a causa della pandemia di COVID19, ma lo sport glamour dovrà probabilmente dimagrire considerevolmente per ottenere il via libera per correre.

In tutta Europa, i divieti di raduni di massa e di eventi pubblici sono stati estesi a luglio e agosto, anche se i paesi hanno iniziato a emergere dai rigidi blocchi che hanno bloccato le attività sportive.

La stagione della F1 è stata bloccata ai box, con sette gare posticipate finora e gli organizzatori parlano di un calendario molto rivisto e ridotto che probabilmente si svolgerà nel nuovo anno.
Formula 1 Covid19

Brawn

“Stiamo esaminando la logistica di una gara chiusa, come porteremmo le persone lì, come le proteggeremmo, come le metteremmo al sicuro, chi permetteremmo di entrare nel paddock”, ha dichiarato l’amministratore delegato della F1 Ross Brawn.

“Ogni caso è in discussione.”

Ciò potrebbe significare alcuni dei circuiti permanenti d’Europa, come Silverstone, il Red Bull Ring austriaco, il Circuit de Catalunya di Barcellona, ​​il francese Le Castellet e l’Hungaroring vicino a Budapest, che ospitano più gare senza folla.

L’Austria ha affermato che non sarebbe contrario a una gara senza spettatori se le restrizioni di viaggio venissero revocate e venissero adottate altre misure di salvaguardia.

Il capo del team Red Bull Christian Horner ha affermato che la pista Spielberg della società produttrice di bevande energetiche aveva bisogno di poco più che le luci accese.

“Può essere pronto in un periodo di tempo molto breve per adattarsi ai criteri della FIA”, ha detto a Sky Sports Television. “Quindi la prospettiva di poter correre una gara a porte chiuse è assolutamente fattibile.

“Penso che ci sarà un percorso organizzato per tornare al Gran Premio del Gran Premio e ci sono alcuni circuiti con cui stanno parlando di eventi senza folla, potenzialmente solo concentrandosi su eventi TV per ora con un numero limitato di persone.”

Le regole della F1 stabiliscono che ciascuna delle 10 squadre non può avere più di 60 persone “associate in qualsiasi modo al funzionamento delle macchine” nel paddock.

Ci sono poi gli installatori di pneumatici Pirelli, i tecnici della FIA, altri fornitori chiave, i dipendenti della Formula 1, le emittenti e i media, nonché il personale di pista e medico che corre a centinaia.

Il personale di radiodiffusione va da circa 40-45 partecipanti alla televisione britannica Sky Sports alla metà di quel numero per Sky Italia e fino a otto per Sky Germania.

“Il personale operativo è praticamente definito dai regolamenti”, ha detto ai giornalisti Andreas Seidl, team principal della McLaren.

“Non credo che sarà molto diverso rispetto ai normali eventi di gara perché abbiamo semplicemente bisogno di tutte le persone per far funzionare le macchine, per servirle durante il fine settimana e per correre e fare i pit-stop”.

Fonti della F1 hanno affermato che sono in corso conversazioni dettagliate con i team per portare i numeri a nudo, con un accesso ai media probabilmente limitato per garantire una spaziatura sicura. Il team marketing e gli sponsor dovrebbero stare alla larga.

La fattibilità di una “corsa fantasma” solo per la televisione dipende anche dall’interpretazione.

“Anche senza spettatori avremmo molte persone sul posto per organizzare l’evento”, ha dichiarato il direttore commerciale del Gran Premio del Belgio Stijn de Boever, il cui paese mercoledì ha vietato le riunioni di massa fino alla fine di agosto.

“Che cos’è un evento di massa? Significa 500, 3.000 o 5.000 persone? “

La speranza della F1 è che portare a termine alcune gare, anche senza un pubblico in pista, dia la possibilità di un campionato adeguato se le gare asiatiche e mediorientali possono andare avanti nel corso dell’anno.

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: