Scendono le temperature, sale il rendimento della Ferrari. Questo il rapporto inversamente proporzionale che caratterizza la stagione delle Rosse. Sul circuito di Interlagos la realtà non è diversa; dimenticato il picco di 50 gradi delle libere di ieri, oggi con 27 gradi in qualifica la macchina andava. E quanto andava; Raikkonen terzo e Vettel quinto recita la classifica. Un peccato perchè per soli pochi millesimi si poteva conquistare l’intera seconda fila. I due in rosso si mettono dietro una Red Bull ciascuno, ma il risultato oggi è comunque buono e incoraggiante. Sulla pista che doveva esaltare le caratteristiche della Red Bull è proprio la Ferrari invece ad uscire fuori e a mostrare passo è velocità. Per la gara di domani, come dichiarato da Vettel “l’obiettivo è il podio, siamo molto veloci e sono contento perchè abbiamo dimostrato il passo della macchina, domani saremo ancora più veloci”. C’è da credergli visto il miglioramento nelle prestazioni che la Ferrari è solita mettere in campo dal sabato alla domenica.

Kimi Raikkonen invece, che partirà dalla seconda fila, confeziona un giro magico, da record nel primo e terzo settore. Più in difficoltà nel settore centrale, quello guidato e delicato per la trazione, ma negli altri due, quelli di motore, i tempi sono ottimi, segno che la coppia messa giù dal motore Ferrari è buona ed efficace. “Ci manca un po’ di downforce nel settore centrale, ma siamo molto vicini, proviamo cose nuove e domani la gara sarà interessante” dice Raikkonen. Un piccolo ritardo in Q1 ha rallentato di pochi minuti l’uscita di Sebastian, si è trattato del settaggio del sistema brake by wire, ma nulla di preoccupante. “Su questa pista i freni non hanno grossi problemi” ci dicono dalla Brembo. “Le uniche difficoltà potrebbero venire con la pioggia, potrebbero esserci problemi di raffreddamento eccessivo dei dischi, bisognerà lavorare per mantenere le temperature nel range ottimale fra i 350° e i 500°.

Maurizio Arrivabene nel frattempo carica la squadra: “i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico, lavorando fino a tarda notte ieri sera”, rompendo quel coprifuoco che vige dalla mezzanotte alle 8 del mattino. Nessun problema al riguardo, due infrazioni nel corso della stagione sono consentite, ma questo dà l’idea di quanto la squadra sia comunque  unita e concentrata anche in questo finale di stagione. “Domani sarà una gara serrata” prosegue Vettel, “ci aspettiamo il podio con la pioggia che potrebbe portare incertezza” Una corsa, quella di domani, che vive appunto dell’incognita meteo. Sono attesi rovesci durante tutto il corso della giornata (come oggi del resto) che potrebbero giungere inaspettatamente prima durante o dopo la gara. Una Ferrari che ci spera in Giove Pluvio e che magari, perchè no, potrebbe ritrovarsi ad essere a sorpresa l’ago della bilancia nella lotta mondiale fra Rosberg ed Hamilton.

di Stefano De Nicolo’  (@stefanodenicolo)

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: