Toto Wolff ha affermato che i problemi di inizio stagione sulla W13 hanno rallentato gli sviluppi e il recupero della Mercedes.

Con entrambi i titoli della stagione 2022 assegnati alla Red Bull e solo due Gran Premi al termine del campionato, il focus delle scuderie e degli addetti ai lavori è ormai quasi esclusivamente rivolto al 2023, che rappresenterà un’occasione di riscatto per chi non ha azzeccato il progetto delle vetture di nuova generazione. Tra questi spicca ovviamente la Mercedes, la cui W13 non ha rispettato le aspettative e la storia recente del team anglo-tedesco tra problemi di porpoising e un drag esagerato. Nonostante i progressi degli ultimi mesi, la Stella non è ancora riuscita a conquistare una vittoria in stagione, uscendo sconfitta nelle recenti gare da una Red Bull ancora nettamente superiore. Il team guidato da Toto Wolff non ha tuttavia intenzione di disputare un altro mondiale anonimo, e l’austriaco ha lanciato la sfida per il 2023: recuperare il distacco che separa la Mercedes dal team di Milton Keynes.

“Crediamo di capire da dove derivi il gap dalla Red Bull.” – ha dichiarato il Team Principal della Mercedes, citato da Autosport“Raggiungerli sarà senza dubbio una grande sfida: loro manterranno alcuni dei punti di forza della loro macchina, mentre noi abbiamo probabilmente perso dagli otto ai dieci mesi in termini di sviluppo perché non riuscivamo a comprendere cosa avesse di sbagliato la W13. Però tutta la squadra è proiettata verso il futuro, compresi i piloti. Un singolo weekend o una stagione non modificano il giudizio sulle performance del team. Ciò che conta è il modo in cui negli anni siamo riusciti a vincere titoli”.

Foto: Alessandro Martellotta per newsf1.it

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: