Il tracciato britannico di Silverstone si candida per lo svolgimento di più di una gara nel corso del 2020. L’AD del circuito ha proposto di correre anche in senso contrario.

La stagione 2020 di Formula 1 verrà ricordata come una delle più turbolente della storia del Circus. Tutto ciò è causato ovviamente dall’epidemia di Coronavirus, la quale sta attanagliando il mondo fisico e quello dello sport. Le prime gare di questo campionato sono già state rimandate o cancellate, vedasi l’esempio di Monaco che certamente non vedrà il suo appuntamento disputarsi. Attualmente l’avvio della stagione è previsto per il 14 giugno in Canada, ma questo evento, così come i successivi in Francia ed Austria sono a forte rischio. La prima data disponibile per una gara diventa dunque il 19 luglio con Silverstone, una delle piste più storiche di tutto il calendario.

Il Gran Premio di Gran Bretagna attualmente è quello più accreditato per dare il là al 2020, anche se nel paese ci sono comunque diverse problematiche legate al COVID-19. Il virus ha infatti portato già alla cancellazione del torneo di Wimbledon, cosa che non avveniva dai tempi della guerra. Tra gli organizzatori della gara di Silverstone c’è comunque grande fiducia ed in queste ore è trapelata una notizia molto particolare. L’amministratore delegato del circuito, Stuart Pringle, ha infatti parlato della proprio proposta a Sky Sports News, l’emittente britannica della Pay TV: ”Quello che posso dire è che lavoriamo ogni giorni a braccetto con la F1. Stiamo cercando in ogni modo di fare qualcosa e di mantenere alto l’interesse del campionato. La maggior parte dei team hanno sede qui, dunque dal punto di vista logistico sarebbe utile per loro che si corressero diverse gare sul nostro tracciato. L’idea è quella di affrontare il tracciato anche in senso contrario, anche se attualmente non è omologato per questo utilizzo. Abbiamo sistemato le infrastrutture e ogni sera gran parte degli staff potranno andare a casa loro a dormire. Se fosse d’aiuto l’idea, sarei felicissimo di poterla realizzare. Vediamo cosa ci verrà chiesto”.

Ma visto il momento straordinario, penso che anche un certo tipo di decisioni particolari possano essere prese. Ufficialmente non c’è nulla di concreto, vediamo le prossime quattro settimane cosa ci riserveranno. Per la F1 è difficile valutare ora perché non guardano solo alla Gran Bretagna, ma quel che accade nel mondo in generale. Vanno organizzati i viaggi e quant’altro. Per la F1 è importante che la stagione cominci, noi aspettiamo e valutiamo. Il posto c’è, le infrastrutture anche e pure una organizzazione che ha esperienza e sa cosa fare. Il mese di aprile ci servirà per prendere la decisione corretta, sperando di soddisfare tutti”.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: