F1 NEWS I VOTI IN PAGELLA DEL GP DEL CANADA

redbull_gp_canadaDANIEL RICCIARDO, voto 10, vince il suo 1° GP meritatissimo almeno per quanto fatto vedere in stagione, aiutato dalla buona sorte (ma bisogna essere spavaldi per sfruttarla) si fa trovare pronto, una grande gara anche se partito non proprio dalla posizione migliore , sorpassa kamikaze Perez in maniera perentoria e con tanto coraggio, ma se ne sbarazza e vola all’inseguimento della Mercedes di Rosberg, grande anche la gestione delle gomme con dei giri molto tutti molto regolari quasi da computer, si prende i complimenti  da tutti, soprattutto da Vettel, tutti felici di vederlo vincere la sua prima gara e soprattutto di vedere qualcosa di diverso sul podio… BENVENUTO!!! RosbergNICO ROSBERG, voto 8 ½, arriva secondo e soffre una vettura che non è più il razzo al fulmicotone di inizio gara, gestisce il guasto parlando, anzi urlando, col muretto, alcune sbavature per la pressione di Hamilton alle sue spalle, non perde comunque la testa nonostante una frenata al limite e un taglio curva non sanzionato, è cattivo e reagisce al cattivo compagno di squadra, questa volta NICK FACCIA D’ANGELO non inganna nessuno col suo sorriso è furbo e determinato nella stagione che potrebbe essere l’unica sua possibilità di vincere un Campionato del mondo. COSTANTE! SEBASTIAN VETTEL, voto 8, ½ punto in più per l’abbraccio a Ricciardo a fine gara, fa una grande qualifica da vero leader, parte bene e approfitta della scaramuccia tra i piloti Mercedes passando Hamilton per poi cedere alla velocità siderale dell’astronave Tedesca, si trova nel traffico e invoca un cambio di strategia, viene accontentato ma rimane dietro al compagno di squadra in occasione della seconda sosta, tanti giri, gli ultimi, in un trenino a ridosso dei primi, finalmente si libera di Perez facendolo in stile ‘Ricciardo’ è comunque lì sul podio in una gara molto dura per lui abituato a ben altro, da lodare l’umiltà e la voglia di primeggiare… CATTIVIK!!! JENSON BUTTON, voto 7 ½, approfitta dei guai degli altri e di due sprovveduti davanti a lui nell’ultimo giro, Hulkenberg ed Alonso, negli ultimi giri buon ritmo a macchina scarica, porta punti preziosi ed inaspettati, una gara svolta con pazienza e coscienza… ESPERTO! NICO HULKENBERG, voto 8, la Force India gli affida una buona vettura e una strategia ad una sola sosta, rispetta la tabella del box con estrema continuità, difende la posizione ma mai con ostruzionismo troppo avventato, bella gara da duro, alla fine si fa beffare da Button finale che non rovina il voto di tutta una gara condotta in maniera esemplare… OSTICO!!! FERNANDO ALONSO, voto 6, sverniciato da Massa ce la mette tutta con una vettura lenta incurva, lenta nei rettilinei, lenta nelle accelerazioni, insomma lenta!!! Va a punti e gira veramente forte solo nelle ultime tornate, una velocità inutile a quel punto della gara, cosa dire del pilota Spagnolo? Sarebbe non giudicabile visto la monoposto che guida, sempre sorridente fuori della vettura, un sorriso amaro e incomprensibile forse sta mollando o forse è rassegnato per un’altra stagione che sarà di digiuno e c’è molto da pensare sul suo atteggiamento, lo preferivamo quando scagliava parole di fuoco a destra e manca… RASSEGNATO!!! VALTTERI BOTTAS, voto 5, gara incolore per una serie di motivi, gomme, power unit, traffico, ma non ci mette del suo e facilita il compito al grigiore della sua prestazione… DA RIVEDERE! JEAN ERIC VERGNE, voto 7 ½, bella gara e questa volta senza essere tradito dalla vettura, parte benissimo e conduce una gara senza risparmiarsi mai, si difende da chi è più veloce ed attacca appena può, un combattente che non molla i suoi meritati punti… CONFERMATO!!! KEVIN MAGNUSSEN, voto 5, gara molto più grigia (fumo di Londra?) di quella di Bottas, sempre imbrigliato nel traffico, ha la dote di essere paziente, ma basta questo alla Scuderia? Per i punti di oggi forse sì, ma per il resto… ANONIMO!!!   MASSA e PEREZ meritano un giudizio a parte, Massa con una vettura nettamente più veloce deve stare dietro diversi giri al Messicano, gli manca lo spunto e forse il coraggio di osare una manovra che gli è invece consentita dalla vettura più veloce in pista, indeciso non affonda il colpo per paura di rovinare una gara che il destino compromette lo stesso, voto 4; PEREZ pensa di essere sulla provinciale di casa sua e mettersi a fare dispetti e manovre da killer col pilota dietro, solo che siamo su una pista e su delle Formula Uno, il trucchetto di mettersi a centro strada e toccare il freno forse funziona sulle strade provinciali, qui invece può provocare delle tragedie, commette un inevitabile seppuku e si autodistrugge come quei messaggi da film di spionaggio, solo che distrugge anche la vettura di Massa e rischia di far fuori anche Vettel, meriterebbe di star fuori una gara, viene graziato dai commissari più interessati a togliere bastoni fra le ruote a qualche Scuderia che a fare giustizia, voto 2. MERCEDES, voto 6, porta uno dei piloti a podio nonostante i problemi alla Power Unit, più probabilmente al brake-by-wire, vista la fumata proveniente dalla ruota posteriore di Hamilton, il Team dovrà gestire un duello interno che comincia a farsi rovente e bisogna dire che fino ad ora le cose sono andate bene, vedremo quando mancheranno 4-5 gare cosa accadrà con i piloti che andranno in pista con il kalashnikov ben carico, altro che sbandierata amicizia, la sensazione è che il cattivo presunto, Hamilton, sia invece molto meno cattivo di Nick Faccia D’angelo, ed i fatti di Monaco e quelli del Canada sembrano confermarlo, il cattivo ha il cuore d’oro e pubblica vecchie foto in nome dell’amicizia, il bello e simpatico invece scrive sulla propria tuta ‘pronto a combattere’ messaggi subliminali ( e neanche tanto) di intenti opposti, vedremo… RED BULL, voto 10, non ci sarebbe bisogno neppure di commentarlo il voto, noi che siamo sempre molto critici nei confronti della Scuderia Austriaca, oggi ne dobbiamo tessere le lodi, hanno fatto test su tappeti mobili? Hanno fatto bene a sfruttare ogni pertugio del regolamento e del cervello umano, sì perché questi qui il cervello lo hanno ben piantato sulla testa e soprattutto fanno funzionare tutti i neuroni e le sinapsi, dopo i test fallimentari pre-campionato hanno portato un pilota alla vittoria e l’altro al 3° posto, geniali nelle strategie, geniali nello sfruttare ogni zona grigia, geniali nello sviluppo, geniali, punto! FERRARI, voto 4, la pista non è adatta a questa vettura ci dicono, praticamente tutte le piste non lo sono a questo punto, il Presidente promette step evolutivi che arrivano in pompa magna e non funzionano, i dirigenti parlano di voglia di combattere, ma, francamente, proprio non va, si portano pezzi nuovi per far cosa? Metterli da parte, sì perche la Power Unit con quei pezzi si riscalda troppo, allora in fabbrica per cosa sono stati testati? Per correre al polo Nord? Il musetto ‘aspirapolvere’ è sempre lo stesso questo vuol dire che è perfetto immaginiamo, idem per l’alettone anteriore solo piccoli accorgimenti per ogni singolo GP in pratica è lo stesso da 5 gare, la vettura continua a essere rigida di telaio e meccanica, non scarica a terra la potenza e non assorbe i cordoli, basta vedere la differenza con la Red Bull molto più morbida e con ottima trazione, rimane la sospensione anteriore pull-road di cui poco si parla e invece forse uno dei mali maggiori di questa vettura, basta confrontarla con quelle delle altre scuderie molto più pulite in ottica aerodinamica, da tempo, ci dicono che questa è la soluzione migliore, perdonateci se cominciamo a nutrire seri dubbi in proposito…

Marco Asfalto    Twitter : @marcoasfalto

Seguici su Facebook Clicca su Mipiace