È improbabile che la partenza di Mattia Binotto come team principal della Ferrari influisca sulle prestazioni della squadra in pista nella prossima stagione. È un pensiero generico maturato dallo stesso Charles Leclerc, colui che è stato messo tra le principali motivazioni delle dimissioni di Binotto.

Gli sviluppi minacciano sconvolgimenti a Maranello mentre i campioni Red Bull e la Mercedes al terzo posto godono di una notevole stabilità.

“Non ho mai avuto un cambio di team principal quando correvo per la stessa squadra”, ha detto Leclerc, che ha debuttato con la Sauber motorizzata Ferrari nel 2018, ai giornalisti prima del gala di premiazione della FIA a Bologna.

“Ma credo che se fatto nel modo giusto non penso che ne soffriremo in pista. Sono abbastanza sicuro che sarà una transizione graduale”.

Il monegasco ha detto che Binotto sta ancora lavorando per aiutare la squadra a prepararsi per la prossima stagione.

Un candidato di spicco per sostituirlo è il francese Frederic Vasseur, capo del team Sauber che attualmente gareggia come Alfa Romeo ma diventerà la squadra ufficiale dell’Audi dal 2026.

Il monegasco non ha voluto commentare chi dovrebbe sostituire Binotto ed era fiducioso che il presidente della società John Elkann e l’amministratore delegato della Ferrari Benedetto Vigna avrebbero preso la decisione giusta.

“Posso solo commentare la mia esperienza con Fred che ovviamente è stata positiva. Ho già lavorato con lui dalle categorie junior dove ha creduto in me e abbiamo sempre avuto un buon rapporto. Ovviamente questo non dovrebbe influenzare nessuna delle decisioni. È sempre stato molto diretto, molto onesto e questa è una cosa che mi è sempre piaciuta. Se sarà lui o no, non lo so”, ha affermato Leclerc.

Leclerc ha detto che Binotto lo aveva chiamato prima del suo annuncio e ha rispettato la decisione.

“Posso solo ringraziarlo. Ha creduto in me fin dall’inizio, mi ha prolungato con un contratto molto, molto lungo e prima di essere team principal è stato anche all’interno della Scuderia (team) per molti, molti anni. Ha contribuito al successo che il team ha avuto negli anni passati, quindi gli auguro il meglio e ora tocca a noi concentrarci sul futuro e cercare di fare le scelte giuste per essere un po’ più una sfida per la Red Bull il prossimo anno”, ha concluso.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: