Il team principal della Mercedes teme la concorrenza nonostante il dominante inizio di stagione della Mercedes

Ormai lo sanno tutti: a Toto Wolff piace particolarmente mettere le mani avanti, cosa che fa più o meno dal 2015. Quest’inverno, il team principal della Mercedes aveva indicato diverse volte la Ferrari come la macchina da battere, che aveva mezzo secondo di vantaggio sulle sue frecce d’argento. Lo scenario si è poi mostrato nella sua più cruda realtà in Australia, con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas che hanno iniziato a dominare la scena spartendosi le vittorie. Come prossimo appuntamento c’è il Canada, proprio la pista che nel 2014 spezzò il dominio d’argento dopo sei vittorie consecutive, grazie al trionfo della Red Bull di Daniel Ricciardo.

Wolff resta cauto su quanto potrebbe accadere a Montreal, facendo capire che gli avversari potrebbero essere davvero competitivi su questa tipologia di tracciato: ”Il Canada sarà la settima gara della stagione ed ora abbiamo imparato quali sono i punti di forza e di debolezza della nostra macchina. Nelle prime gare siamo stati fortissimi in curva, mentre soffrivamo molto negli allunghi. Tutto ciò rende particolarmente interessante questa gara e per noi sarà una grande sfida, visto che le caratteristiche di questa pista sono favorevoli ai nostri avversari. Ci sono tanti rettilinei ed è più difficile recuperare tempo in curva”.

”Siamo comunque impazienti di scendere in pista. Lo spettacolo è sempre elevato in Canada ultimamente ed anche quest’anno potrebbe essere così a Montreal”. Toto è poi tornato a parlare del Gran Premio di Monte-Carlo, dove la vittoria di Hamilton è stata adombrata dalla morte di Niki Lauda: ”Monaco non è stato un fine settimana facile per la squadra. Da una parte, vincere lì è una cosa bellissima per un team di Formula 1, con il finale che è stato tesissimo. Dall’altro lato, la perdita di Niki ci ha colpiti molto duramente, ma siamo sicuri che lo abbiamo reso orgoglioso di quello che abbiamo fatto in pista”.