Nel secondo anno da quando la F1 ha rivisto i suoi regolamenti tecnici nella speranza di produrre gare più ravvicinate, Red Bull e Max Verstappen hanno raggiunto livelli di dominio senza precedenti. Verstappen ha conquistato il campionato del mondo con sei Gran Premi rimasti.

“Direi complimenti a Max”, ha detto Domenicali a Sky. “Ha dimostrato qualcosa di impressionante in termini di maturità e di standard alla Red Bull”.

Tuttavia la stagione di recente terminata, ha dimostrato che è possibile per i rivali avvicinarsi a loro. “A quelli che dicevano che con il budget cap non è possibile sviluppare la macchina, direi che la McLaren ha dimostrato il contrario”, ha aggiunto Domenicali. La McLaren, infatti, ha lottato per sfuggire alla Q1 nelle gare di apertura, ma alla fine della stagione è salita al quarto posto in campionato.

Sebbene la Red Bull abbia vinto 21 Gran Premi su 22, è stata battuta fino in pole position otto volte, poiché la RB19 era in genere molto più competitiva in assetto da gara che in qualifica. Domenicali si aspetta che i suoi rivali facciano progressi in quest’area il prossimo anno.

“Il sabato abbiamo visto 20 vetture con meno di un secondo”, ha detto Domenicali. “Quindi in qualifica siamo molto, molto vicini. Naturalmente il ritmo di gara è diverso e penso che questa sarà la cosa più importante che vedremo diversa l’anno prossimo”.

La lotta tra le migliori squadre sarà più serrata l’anno prossimo?

“Penso di sì”, ha detto. “Anche se, come sempre, non mi piace parlare perché c’è sempre tanta gente che parla e poi viene contraddetta. Ma sono sicuro che l’obiettivo di tutti i team sia provare a mostrare il livello della loro ingegneria, il livello delle loro capacità di migliorare”.

Nonostante la natura unilaterale della competizione, Domenicali ha affermato che la F1 continua a crescere in popolarità.

“La consapevolezza della F1 e la crescita del nostro sport sono davvero magiche”, ha detto. “Il nostro obiettivo è assicurarci che le persone che sono fan accaniti come noi possano davvero credere nello sport, ma anche le persone che in realtà non sono fan, ma amano ciò che stiamo costruendo, possano essere collegate a noi. E poi è nostro dovere sviluppare la cultura della F1. Questa è davvero la bella sfida che abbiamo”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto