aimar_alberto

Partiamo in questo approfondimento da una considerazione, o meglio una ipotesi, che abbiamo effettuato su un possibile muso anteriore della nuova Mclaren.

mclarennose

In realtà voglio prima effettuare una serie di riflessioni su questa vettura, dato che credo sia una delle macchine schierate in griglia il prossimo campionato di più difficile previsione. C’è aria di cambiamento e anche molto drastico nelle officine della scuderia inglese, sia dal lato piloti, che dal lato ingegneristico, essendo presente una nuova unità motrice da riadattare completamente alla vettura. Ciò che intendo dire è che non si può sapere quanto possano fondare il loro lavoro sull’aspetto aerodinamico, o se preferiscono dedicare maggiori risorse dal punto di vista motoristico-telaistico. Fatta questa premessa possiamo partire con una piccola riflessione che ci aiuterà a capire meglio il concetto già introdotto nel primo articolo della serie appartenente alle anticipazioni 2015, ovvero quello dei versori normali alle superfici e del modo che ha di accelerare la corrente attorno ad un oggetto, o di rallentare.
Vi invito a leggere il primo approfondimento al link seguente:
http://www.newsf1.it/f1-news-la-ferrari-che-verra3023/

approfitto della previsione che abbiamo pensato per la vettura di Button e Alonso non solo per provare ad azzeccare le forme del prossimo futuro, ma proprio per poter ribadire il concetto e magari anche rifletterlo su una seconda macchina: la Mercedes 2014. (almeno riusciamo a capire un po’ meglio perché poteva assumere determinati andamenti sul profilo anteriore). Come detto un versore normale alla superficie che ha una direzione opposta, del tutto o in parte, è sintomo di un profilo che tende ad essere un ostacolo per la corrente. Serve quindi creare una forma che possa sempre essere non perfettamente parallela all’aria che incontra ma avere un gradiente di pressione maggiore di zero. Il gradiente di pressione è ciò che esprime la variazione di pressione lungo la coordinata x, ovvero lungo il percorso che l’aria percorre attorno al profilo considerato. schema1 Come detto, serve avere una superficie che in ogni istante generi un versore normale che possa andare “contro la corrente”. Per questo un profilo che potremmo aspettarci per il prossimo anno, per la Mclaren, come per altre ovviamente potrebbe richiamare il seguente concetto: schema2 Portando al risultato espresso nella immagine sottostante: mercedes nose 2015

Ecco perché la Mercedes già nel 2014 aveva pensato ad un profilo tipicamente denominato a scivolo, potendo cosi sfruttare tale effetto per poter avere un migliore direzionalità delle ruote anteriori. Chiaramente, questa, più che una previsione, vuole essere un richiamo al recente passato, utile a spiegare come mai e perché potrebbe essere rivisto anche nel 2015 un dettaglio del genere,magari anche su altre vetture diverse da quelle citate qui.

Articolo dell’Ing.  Aimar Alberto
AIMARALBERTO.WIX.COM/AEROSPACE-WORLD

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: