Pazzesco giro per Kimi che stampa anche il nuovo record della pista. Terzo Hamilton davanti a Bottas

La Ferrari fa sognare Monza. Il Cavallino rampante ha dominato le qualifiche del Gran Premio d’Italia, occupando tutta la prima fila dello schieramento, cosa che non capitava addirittura dalla doppietta Schumacher-Barrichello del 2000. A stupire è stato però l’autore del miglior tempo, ovvero l’inatteso Kimi Raikkonen. Iceman ha tirato fuori un giro esaltante, con un capolavoro nel terzo settore. In 1’19”119 ha sbriciolato il record della pista di Montoya. Come media è il giro più veloce nella storia della Formula 1.

Al suo fianco scatterà un amareggiato Sebastian Vettel, che pare non aver gradito molto il fatto di essere stato lui a dare la scia al compagno di squadra e non viceversa nel giro decisivo. Il suo ”we speak after” alla radio è stato eloquente. Seb ha girato in 1’19”280, precedendo di appena 14 millesimi il grande rivale Lewis Hamilton. La prestazione di Bottas ( ad oltre mezzo secondo dal battistrada) fa capire che qui la Mercedes è nettamente inferiore alla Ferrari, ma le doti ed il talento del campione del mondo promettono battaglia per domani.

Alle spalle dei big il vuoto: quinto Max Verstappen con la Red Bull, che si è visto rifilare un secondo e mezzo da Raikkonen. Vicino a lui Romain Grosjean con la Haas, davanti a Carlos Sainz, su una Renault inaspettatamente competitiva su una pista di pura velocità. Ottavo tempo per Esteban Ocon con la Force India, davanti ad un grandissimo Gasly che trascina la Toro Rosso-Honda sino al nono posto. Va sottolineata anche l’incredibile performance di Lance Stroll, decimo e che porta la Williams per la prima volta in Q3 quest’anno.

Il Q2 aveva visto l’eliminazione di Hulkenberg e Ricciardo, che non hanno effettuato neppure un tentativo dovendo comunque scattare dal fondo della griglia per la sostituzione degli elementi sulle loro power unit. L’undicesimo tempo è stato di Kevin Magnussen, davanti a Sirotkin ed Alonso. Incredibile quello che è successo tra la McLaren e la Haas, con lo spagnolo ed il danese che hanno ingaggiato una vera e propria battaglia alla Prima Variante. Il risultato è stato che entrambi sono stati eliminati.

Nel Q1 erano invece usciti di scena Stoffel Vandoorne, semre più ultimo e vicino all’essere appiedato prima di fine stagione. Davanti a lui Ericsson, Hartley, Leclerc e Perez.

Domani alle 15:10 il via della gara.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: