Qualifiche dal sapore molto dolce quelle vissute dalla Ferrari oggi, che conquista la pole con Vettel e ipoteca la prima fila con Raikkonen.

Ad una settimana esatta dalla prima pole stagionale, ecco che ne arriva un altra ma ancora più convincente di quella conquistata nel deserto del Bahrain. Più convincente perchè i pronostici per il gp cinese, davano favorita per la pole la Mercedes e perchè, rispetto al Bahrain, il distacco che separa i due portacolori della Stella a tre punte dai capofila odierni è superiore a una settimana fa (4 decimi).

Una Ferrari che era arrivata in Cina per avere nuove risposte sulla SF71H, per capire quanto sarebbe stata competitiva in un tracciato differente dai precedenti e sopratutto con un clima differente e oggi ha dato grandi risposte, forse anche più di quanto gli uomini in rosso si aspettassero.

La scuderia di Maranello non ha utilizzato, in questo gp, il fondo introdotto in Bahrain e inoltre nella mattinata di ieri Sebastian Vettel ha provato una nuova ala posteriore “a cucchiaio”, utile per la trasferta a Baku tra due settimane. Una Ferrari che quindi non ha fatto modifiche particolari alla vettura, se non trovare e ottimizzare il set-up e il bilanciamento globale per permettere a Vettel e Raikkonen di estrarre il massimo delle performance dalla monoposto. Dopo un venerdì di studio…oggi la Rossa ha concluso l’esame con ottimi voti.

Vettel:”Contento di questa pole, la SF71H? Macchina fantastica”

Il tedesco della Ferrari oggi coglie la sua seconda pole stagionale e la 52esima in carriera. Due pole nell’arco di una settimana: un numero incredibile.

Dopo il primo tentativo in Q3, la pole sembrava già nelle mani del compagno di squadra Kimi Raikkonen, autore di un weekend davvero molto positivo. Seb, però, nel suo ultimo tentativo fa un autentica magia: un T3 davvero incredibile che gli consegna di fatto la pole. Un terzo settore eccellente che gli ha permesso di stabilire il giro record della pista di Shanghai, con il suo 1.31.065 e di aggiudicarsi la seconda pole di fila dopo quella conquistata in Bahrain la settimana scorsa.

Due Ferrari in prima fila che hanno completamente ribaltato i pronostici della vigilia, mostrando una rossa davvero in grandissima forma nel giro secco, tanto da sorprendere lo stesso pilota della Ferrari. Eppure per l’autore della pole non è stato cosi semplice raggiungere l’obiettivo primario: infatti nel primo tentativo in Q3, complici due errori durante il giro, il tedesco non sembrava potesse impensierire il bellissimo giro messo insieme da uno scatenato Raikkonen.

Nel primo giro della Q3 ho fatto un errore alla Curva 3 e poi anche alla Curva 6″, ha raccontato Vettel al termine delle Qualifiche. “Ho sbagliato a dosare il gas e ho avuto sovrasterzo, quindi sapevo che se nell’ultimo tentativo fossi riuscito a fare un giro pulito mi avrebbe aiutato a fare meglio. Le gomme sono molto sensibili, quindi sapevo che se fossi riuscito a fare un giro migliore, con meno sbavature, il risultato sarebbe stato più competitivo ed è andata proprio così”.Sono riuscito a mettere insieme tutti i settori e sapevo di avere le carte in regola per fare quel tempo. Ovviamente non sapevo cosa stessero facendo gli altri, per cui ho dovuto aspettare. Fortunatamente questa volta l’attesa è stata breve perché sono stato uno degli ultimi a tagliare il traguardo. Per noi è un grande risultato, sono molto contento per il team. Oggi la macchina era fantastica e lottare con le sole nostre forze per la prima fila è una bellissima sensazione. Sono molto sorpreso del vantaggio che abbiamo avuto nei confronti dei rivali”.

Temperature basse e freddo sembravano, alla vigilia, i migliori alleati della Mercedes e un motivo in più per rivederla di nuovo davanti a tutti in qualifica. Invece la Ferrari si è dimostrata  più competitiva, aiutata dal ottimo utilizzo delle Pirelli Ultrasoft. Vettel ritiene sia stato fondamentale riuscire a centrare la giusta finestra di utilizzo della gomme oltre ad aver trovato un giusto assetto :“Il freddo per i piloti non è così male per noi piloti, non è un problema, ma può esserlo per le gomme, perché devi trovare la giusta finestra d’utilizzo delle gomme, ma anche un assetto adeguato. Oggi inoltre c’era molto vento e oggi è addirittura aumentato nel corso delle Qualifiche. Nella Q3 abbiamo avvertito folate intense e non è stato certo facile trovare il feeling giusto. Certo che quando la vettura è così veloce e tutto funziona hai tanta fiducia e questo aiuta”.

“Oggi fa freddo e non ci aspettavamo di essere così veloci nei confronti della Mercedes ma anche della Red Bull. Domani penso che le previsioni parlino di sole e sicuramente l’asfalto sarà molto più caldo. Vedremo come andranno le cose, ma credo che domani potremmo essere tutti molto vicini”.

 

Raikkonen:”La chiave per la gara? Avere una buona velocità”

Il finlandese della Ferrari conferma il trend positivo iniziato a Melbourne e centra la terza (su tre) prima fila. In palla sin dal venerdì, Kimi si è trovato ad un passo dalla pole, prima che Sebastian Vettel riuscisse ad avere la meglio facendo un ottimo T3. Un Kimi pimpante e competitivo come non lo si vedeva da tempo, aiutato da una SF71H che asseconda il suo stile di guida e lo aiuta a dare il meglio.

Proprio come è accaduto in Bahrain una settimana fa, Kimi è stato beffato all’ultimo tentativo dal compagno di squadra. Una beffa che però non nasconde l’ottimo feeling che il finlandese ha con la monoposto del Cavallino fin dai test invernali e che fa solo ben sperare.

Al termine della qualifiche, nel volto di Kimi si è visto un pizzico di delusione per la pole persa in extremis (per soli 87 millesimi):“Non è andata male ma il mio giro non è bastato per centrare la pole. Ovviamente non è il risultato che volevo, ma è andata piuttosto bene almeno fino all’ultimo settore. Non è successo nulla di particolare, ho soltanto perso un po’ di velocità ed adesso dobbiamo verificare perché questo sia accaduto. Volevo di più, ma domani la situazione può cambiare”.

L’obiettivo primario di domani, per il nativo di Espoo, è la vitttoria. Vittoria che nel palmares del finlandese manca da troppo tempo e quindi domani proverà a fare una gara tutta in attacco, sperando che termini sul gradino più alto del podio:”L’obiettivo per domani è certamente la vittoria, ma sarà fondamentale disputare una gara pulita e cercare di sfruttare al massimo le nostre opportunità. Sicuramente dobbiamo fare in modo di non avere alcun problema per concludere la gara”.

Per la gara sono previste temperature leggermente più alte rispetto a quelle registrate durante le qualifiche: un fatto che potrebbe stravolgere i valori visti in qualifica. Kimi,però, ritiene che l’elemento fondamentale per domani sia avere una buona velocità:”La chiave per domani sarà essere costantemente veloce e vedere come si sviluppa la gara. Sarà una corsa lunga e dobbiamo cercare di migliorare”.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: