A causa della minore densità dell’aria a Città del Messico, che si trova a 2,2 km sul livello del mare, il turbo nell’unità di potenza deve lavorare di più per comprimere l’aria.

La Mercedes ha un turbo più grande della Honda perché ognuna ha optato per una soluzione diversa per soddisfare le richieste dell’intera stagione. A causa del numero molto basso di gare in alta quota, questa non è una differenza determinante per la stagione, ma ha sempre reso le vetture con motore Honda una minaccia a Città del Messico e anche a San Paolo, che è “solo” 800 metri sul mare livello per confronto.

Questo è ciò che crea il presupposto che la Red Bull avrà un vantaggio sul suo rivale per il titolo in Messico.

E ci sono prove a sostegno nei dati dell’ultimo viaggio della F1 all’Autodromo Hermanos Rodriguez nel 2019. Un turbo più grande genera più calore e incorrerà in problemi di gestione della temperatura più rapidamente di un turbo più piccolo quando funziona in modo più aggressivo del normale. Quindi in Messico i turbo più piccoli potrebbero funzionare di più e compensare la minore densità dell’aria meglio di quanto tradizionalmente potesse fare la Mercedes.

Ci sono quattro grandi zone di accelerazione/linea all’Autodromo Hermanos Rodriguez: il rettilineo di partenza; la corsa alla curva 5, il breve salto dalla curva 8 verso le spazzate veloci e l’uscita delle spazzate verso la sezione dello stadio. La Red Bull ha generalmente avuto un vantaggio di velocità sulla Mercedes fino alla fine di questi rettilinei in qualifica, che è stata una deviazione dal trend del resto della stagione. In Francia, ad esempio, la Mercedes era più veloce di circa 10 km/h sui rettilinei rispetto a Verstappen a volte e ancora più veloce nelle curve.

Ci sono stati segnali di progresso una volta che la Honda ha iniziato a ottimizzare il suo motore aggiornato e il pacchetto è stato particolarmente efficace in un rettilineo linea quando la Red Bull è stata in grado di eseguire ali più basse come a Silverstone.

Ma le condizioni climatiche in Messico significano che le squadre hanno tutte il massimo carico aerodinamico e hanno meno resistenza.

Su altre piste, i vantaggi/svantaggi relativi a Red Bull e Mercedes sono stati diversi da prima, ma ciò è stato in gran parte guidato dalle prestazioni aerodinamiche: sappiamo che le modifiche alle regole per il 2021 hanno danneggiato la Mercedes, e la Red Bull è molto più competitiva al confronto. Senza modifiche fondamentali note ai turbocompressori di entrambe le unità di potenza, è logico presumere che l’unità di potenza Mercedes sarà un po’ meno efficace in Messico e la Honda funzionerà un po’ meglio.

Se è così, allora è una questione di come le modifiche alle regole aerodinamiche di quest’anno abbiano avuto un impatto sulla Red Bull e la Mercedes durante l’esecuzione di “ali Monaco con livelli di carico aerodinamico Monza” nello specifico dell’ambiente di Città del Messico.

Naturalmente, essere semplicemente più veloci non è garanzia di vittoria.

Verstappen ha vinto in Messico nel 2017 e nel 2018 e si è qualificato più velocemente nel 2019 ma ha perso la pole position a causa di un’infrazione da bandiera gialla. Mentre la gara di Verstappen è andata in rovina, Hamilton ha utilizzato un pitstop anticipato e un lungo secondo stint per trasformare il suo deficit in un’improbabile vittoria contro le Ferrari più veloci, che avevano ereditato la prima fila dopo la penalità di Verstappen e hanno corso uno-due all’inizio.

Quindi chi può dire che vincerà comunque l’auto più veloce?

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: