Mentre le case automobilistiche di tutto il mondo investono molto in veicoli elettrici, la Formula 1 non sta ignorando gli enormi vantaggi che si possono ottenere a livello globale aprendo la strada al carburante plug-in a emissioni zero per aiutare ad alimentare i due miliardi di motori a combustione interna che rimarranno sulle strade per decenni a venire.

Ma mentre le nuove regole del motore e del carburante per il 2026 sono qualcosa di cui i capi della F1 sono entusiasti, ci sono alcuni che non capiscono perché la serie stia aspettando così tanto tempo per fare il passaggio.

Tra questi Sebastian Vettel, sempre schietto in materia ambientale, che l’anno scorso ha dichiarato in una lunga intervista che desiderava che le corse dei Gran Premi si muovessero più velocemente nel passaggio a combustibili sostenibili.

“Abbiamo un motore in funzione l’anno prossimo (per il 2022) e avremo solo il 10% di carburanti elettrici nell’auto, che dal punto di vista tecnologico non è una rivoluzione”, ha affermato. “Si può già acquistare quel carburante nella pompa da diversi anni come cliente in tutto il mondo. Quindi non è una novità. Non penso che corrisponda al tipo di ambizioni che la Formula 1 ha per essere un leader tecnologico. Quindi reagiamo, piuttosto che essere proattivi e aprire la strada”.

Ha continuato spiegando che aspettare fino al 2026 per introdurre combustibili sostenibili significava “altri cinque anni senza progressi”.

Ma nonostante i sentimenti di Vettel sull’argomento e il fatto che altri campionati FIA di alto profilo come WRC e WTCR siano già passati al carburante sostenibile, la F1 si attiene al suo piano di aspettare fino al 2026.

Il motivo non è perché non vede il significato del cambiamento, ma si basa invece su ragioni di equità tra gli attuali entranti.

La F1 vuole dare a tutti gli attuali team e produttori di motori la stessa opportunità di sfruttare al meglio il nuovo carburante, motivo per cui aspettare il 2026 quando entreranno in vigore i nuovi regolamenti sui motori ha più senso.

L’amministratore delegato del motorsport di F1 Ross Brawn ha dichiarato ad Autosport: “Penso che quando si introduce un carburante non si è mai abbastanza sicuri dell’impatto che avrà sui diversi motori. Questo è il motivo per cui ci stiamo trattenendo in F1, per dire a team e OEM che quando introdurremo i nuovi motori per il 2026, sarà alimentato a carburante sostenibile. Sarebbe ingiusto introdurre un carburante sostenibile [in questo momento] perché le caratteristiche sono un po’ diverse e la F1 è sempre a un livello estremo della tecnologia. Con i nuovi motori, iniziano tutti dalla stessa linea di base con molta meno preoccupazione per quell’aspetto”.

Una cosa su cui Brawn ha voluto essere chiaro è che i vantaggi della spinta del carburante sostenibile della F1 saranno di vasta portata, ed è esattamente per questo che le nuove case automobilistiche come Audi sono salite a bordo.

“Riteniamo che questa sia una delle soluzioni alla sfida ambientale”, ha affermato. “Ne abbiamo parlato diverse volte, ma ci sono due miliardi di ICE sulla strada. Non scompariranno. Ma se possiamo avere un carburante plug-in, che è a emissioni zero, e possiamo iniziare a distribuire quel carburante in tutto il mondo, allora abbiamo una soluzione per i motori esistenti e anche, francamente, una soluzione per i luoghi in cui l’infrastruttura per le auto elettriche semplicemente non esiste e non sarà costruita per pochi anni. Stiamo sostenendo una tecnologia alternativa.” – ha concluso.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: