F1 NEWS –  L’INCIDENTE A JULES BIANCHI GRAVI RESPONSABILITA’ DELLA FIA


La domanda dopo certi incidenti è ‘si poteva evitare?’ certo non tutto si può calcolare e prevedere, figuriamoci in uno sport di velocità come la F1, però qualcosa dobbiamo pur dirla su questo incidente, partiamo da alcuni presupposti innegabili, purtroppo, per esigenze televisive alcuni GP molto lontani dall’Europa vengono posticipati dal loro naturale orario di inizio, questo per avere un orario di visione ‘decente’ nel nostro Continente, nel caso di Suzuka la corsa è partita alle 15.00 orario locale, quando in genere le gare partono alle 14.00, questo è un grave errore fatto oggi dai Commissari di GARA, 

con una pioggia battente e un tifone in arrivo non era il caso di anticipare la partenza almeno di un’ora se non di più? Sì perché al momento dell’incidente stava facendo notte sul circuito e la visibilità era veramente precaria, diminuita tra l’altro dalle nuvole d’acqua alzate dalle gomme ‘Full Wet’ che vaporizzano ben 65 litri al secondo, 

Jules Bianchi è uscito di pista in regime di bandiere gialle alla curva 7 ‘Dunlop’ (per l’incidente di Sutil che ha visto tutto…) che è preceduta da un dosso, molto probabile non abbia visto le segnalazioni dei Commissari di pista a causa della scarsa visibilità unita alle condizioni che ho spiegato sopra. La domanda viene spontanea, sorge dalla nostra mente quasi naturalmente, perché, visto che si conoscevano tutte le condizioni, non si è optato per una gara anticipata? Per esigenze televisive? Perché il ‘carrozzone’ televisivo deve rispettare i suoi obbligatori canoni mediatici, lo spettatore Europeo deve potersi svegliare ad un’ora decente e godersi lo spettacolo senza fare alzatacce, si sono studiati addirittura Gran Premi notturni per evitare di perdere audience e dare ‘in pasto’ al pubblico delle corse ad orari umani, ma siamo asicuri che questi orari sono ‘umani’? Chi ama questo sport lo segue indipendentemente dall’orario in cui è collocato e posso dire a titolo non solo apersonale ma anche a nome di moltissimi appassionati che conosco personalmente, che a volte vedere una gara di notte o a sera tardi è molto più appagante del canonico orario delle 14.00, questo perché si corre di Domenica e non tutti amano stare il 7° giorno davanti alla TV, alla FIA dovrebbero imparare questo, che magari l’utente appassionato ha anche altri programmi per l’unico giorno di riposo, uscire con la famiglia ad esempio… Ed ecco che ci scappa la tragedia, il tutto perché si deve rincorrere un target, collocare una gara ad un tale orario così che ci siano la maggior quantità di utenti collegati, e questo andando contro il buon senso e contro la logica, far terminare un GP sotto l’acqua ed al tramonto come è giudicabile? Imprudenza? Incapacità? Eppure i Commissari sono sempre così zelanti quando vogliono, sì quando vogliono, non quando di mezzo ci sono i quattrini… Ora si dirà, ma i Piloti fanno questo mestiere e sanno ciò a cui vanno incontro, vero! Ma qui siamo ai limiti della comprensione umana, basta immaginare cosa sarebbe accaduto se la vettura dello sfortunato Jules fosse piombata anche sui Commissari di pista, oggi ci sarebbe stata una strage, evitabilissima partendo semplicemente un’ora prima…  E poi, prima commettono un errore così grave, in seguito censurano le immagini dell’incidente così che non si capisca nulla di quanto accaduto,

però insistono nell’inquadrare i volti dei meccanici del box Marussia, così da far cogliere allo spettatore lo sgomento di questi uomini, una vera tortura mediatica che getta nello sconforto ancor di più che vedere le immagini dell’incidente… Scusate non riesco a dire altro, sono furioso…Forza Jules!!!

Marco Asfalto   

Twitter : @marcoasfalto

Seguici su Facebook Clicca su Mipiace

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: